È giunto il momento di parlare davvero di eSIM

Giuseppe Tripodi -

I nuovi iPhone XS e XR di Apple hanno una caratteristica particolare e lungamente attesa: sono Dual SIM. Ma in realtà non è possibile infilarci dentro due schede, perché, oltre alla consueta nanoSIM, il secondo numero sarà disponibile tramite eSIM. Ma di cosa parliamo quando parliamo di eSIM?

Cosa sono le eSIM?

Evoluzione delle SIM: dalle Mini SIM alle embedded SIM

La e in eSIM sta per embedded, ossia incorporato: una volta compreso questo, non è difficile intuire cosa sono le embedded SIM. Si tratta infatti di SIM incorporate all’interno di un dispositivo: un chip collegato alla scheda madre che, come le normali schede, identifica univocamente il cliente sulla rete (SIM sta per Subscriber identity module).

A differenza delle normali SIM, le eSIM sono riprogrammabili e il cambio di operatore si esegue via software e tramite un login: basta selezionare il gestore ed eseguire l’accesso per far sì che lo smartphone si colleghi alla rete giusta, senza necessità di sostituire fisicamente la scheda.

Queste SIM “virtuali” sono state pensate originariamente per dispositivi dalle dimensioni molto ridotte, su cui era necessario risparmiare spazio (come ad esempio gli smartwatch), ma è probabile che che nei prossimi anni verranno adottate sempre più spesso anche sugli smartphone, diventando lo standard della telefonia.

LEGGI ANCHE: Vodafone OneNumber: come funziona e quanto costa l’offerta per Apple Watch Series 4

Quando arriveranno le eSIM?

Le eSIM non sono una tecnologia nuova: probabilmente guadagneranno grande popolarità grazie ai nuovi iPhone XS e XR, ma i nuovi melafonini non sono i primi dispositivi su cui vengono utilizzate.

La società di Cupertino la introdusse per la prima volta nel lontano 2014, su iPad Air 2. Allora non si parlava ancora di eSIM e queste schede virtuali erano note con il nome di Apple SIM: ovviamente non arrivarono mai in Italia, rimanendo un’esclusiva per Stati Uniti e Regno Unito.

Samsung Gear S2 classic 3G, primo smartwatch con eSIM ad arrivare in Italia

Il 18 febbraio 2016, la GSMA, associazione mondiale degli operatori mobili, annunciò le prime specifiche tecniche delle eSIM, stabilendo un primo passo verso il passaggio alle SIM virtuali. Lo stesso giorno, le eSIM debuttarono in moltissimi paesi europei con Samsung Gear S2 classic 3G, smartwatch che si collegava alla rete proprio grazie ad una embedded SIM e che arrivò anche in Italia con una eSIM associata a TIM.

In seguito, anche Huawei ha adottato le SIM virtuali per il suo Huawei Watch 2 (anche se la variante LTE non è mai arrivata in Italia) e, ovviamente, non può mancare all’appello lo smartwatch Apple.

La società di Cupertino ha annunciato che le versioni Cellular (ossia con connettività LTE) di Apple Watch Series 3 e Apple Watch Series 4 saranno disponibili anche in Italia, in collaborazione con Vodafone, a partire dal 21 settembre 2018.

Tuttavia, inizialmente non sarà possibile sfruttare la embedded SIM di iPhone XS e XR nel nostro paese: come si può leggere dalla pagina di supporto Apple, nessun operatore italiano supporterà le eSIM dei nuovi smartphone della mela al momento del lancio.

Considerando che Vodafone permetterà di utilizzare la embedded SIM degli iPhone in Spagna e Germania, e che Apple Watch Series 4 Cellular arriverà in Italia proprio con Vodafone, ci sono buone ragioni per immaginare che l’operatore stia lavorando ad un accordo che permetterà agli utenti di utilizzare le eSIM su iPhone XS e iPhone XR, ma non ci sono ancora informazioni ufficiali in merito.

Come funzionano le eSIM?

La schermata di selezione operatore di iPad Air 2 con Apple SIM.

Dato che le embedded SIM non richiedono di sostituire fisicamente la sheda, il processo di selezione dell’operatore e dell’offerta tariffaria viene gestito unicamente via software: ad esempio, nell’immagine qui sopra è possibile vedere la schermata di scelta dell’operatore su un iPad Air 2 Cellular.

Non è ancora chiarissimo come funzioneranno le eSIM sui nuovi iPhone XS e XR, ma dal sito ufficiale Apple apprendiamo che la registrazione sulla rete di un operatore avverrà tramite un codice QR o tramite un app rilasciata dal gestore.

eSIM in Italia: a che punto siamo?

Fatta eccezione per TIM, che fu l’unico operatore a supportare le eSIM di Samsung Gear S2 nel 2016, attualmente l’unico gestore che sembra dare un segnale di apertura sul fronte delle schede virtuali è Vodafone.

Proprio Vodafone, infatti, sarà l’unico operatore possibile per chi vuole acquistare un Apple Watch Series 4 con supporto alle reti LTE. Al contrario, non ci sono ancora informazioni da Wind, Tre, Iliad e tutti gli altri.

Per quel che riguarda Apple Watch, l’aspetto interessante è che lo smartwatch non richiede un nuovo contratto, poiché la eSIM viene abilitata “duplicando” una scheda già esistente: in altre parole, potrete collegare il vostro numero di telefono (e relativo piano dati) all’orologio della mela, senza la necessità di sottoscrivere un nuovo contratto.

  • Dryblow

    Speriamo che vodafone abiliti una funzione simile anche per eSIM di ipad pro, sarebbe davvero ottimo.

  • Mauricio

    Quindi di fatto le eSim sono utili per agganciarle a dispositivi piccoli, più che per cambiare operatore. Tra i pochi operatori che lo supportano e i nuovi piani telefonici con quantità di traffico enorme, non vedo una grande necessità di cambiare operatore così spesso.

    • fsa

      Già, dati anche i vari costi di attivazione…

      • Lorenzo Laruffa

        Beh se non altro adesso non potranno chiederti 10€ per la sim LoL

        • fsa

          Oh, beh… magari faranno pagare l’app proprietaria di configurazione dell’eSIM XD

        • StriderWhite

          Troveranno comunque il modo di spillarci soldi, non tenere!

        • Steven

          ti potranno chiedere 20 euri di attivazione lo stesso, giustificati come costi di gestione, pratiche, o giustificati in altro modo, non si vergognano tranquillo.

        • Matteo Scovenna

          stai pur tranquillo che si inventeranno una voce di costo ad hoc. Se avranno poca fantasia sarà “costo attivazione modulo esim”, altrimenti potremo godere si fantastici servizi come il tecnico TIM nel contratto linea fissa

  • Chris94

    Ecco, questa mi sembra la novità più importante.
    Non vedo l’ora che si passi dalle sim alle eSim e mi spiace che si sia dovuta aspettare Apple per fare un passo in questo senso, anche se è l’unica con abbastanza potere nel mercato per farlo.

    • CrimsonJoy

      d’accordissimo. la aspettavo da parecchio e credo che ora che apple ha fatto questo passo la situazione si smuoverà

  • VITA A COLORI NOURI COACHING

    meno costi per tutti ?

  • Erasmo

    Ancora non si sa nulla di iliad riguardo l’è-sim dell Apple Watch? Ho appena comprato un Apple Watch 3 cellular e non voglio passare a Vodafone

    • maxforum

      non hanno accordi nemmeno tim , tre e wind, figurati iliad

    • Erasmo

      non si sa ancora quanto dura l’esclusiva Vodafone?