Instagram si preoccupa degli adolescenti (e dei genitori) e lancia una guida dedicata (video)

Vezio Ceniccola

Non è un segreto che Instagram sia diventato già da qualche tempo una delle piattaforme preferite dai bambini e dagli adolescenti di tutto il mondo, soprattutto per le tante funzioni creative e la velocità d’interazione che integra al suo interno. Spesso, però, il tempo trascorso sul social diventa un problema per questi ragazzi, con conseguenti preoccupazioni da parte dei genitori, i quali non sempre sono al corrente di come funzionano gli strumenti tecnologici che utilizzano i propri figli.

Per dare un aiuto concreto nella comprensione e nell’uso della piattaforma, Instagram ha dunque deciso di aprire una sezione dedicata proprio ai genitori, grazie alla quale sarà possibile ottenere tutte le informazioni necessarie per conoscere al meglio il social.

La nuova risorsa online, inclusa sulla piattaforma informativa Well-Being, permette di scoprire dettagli importanti sulla configurazione delle opzioni relative alla privacy, sulle capacità d’interazione con gli altri utenti e sulla gestione del tempo passato sul social. Inoltre, sono inseriti anche consigli su come affrontare l’argomento Instagram con i propri figli, in modo da fornire spunti di discussione costruttivi per aiutarli.

LEGGI ANCHE: La nuova app di Instagram per lo shopping

La guida è realizzata in collaborazione con Ana Homayoun, esperta di educazione e social media, e diverse associazioni americane che si occupano di bullismo, problemi psicologici ed adolescenza in generale. Il punto focale del nuovo servizio è quello di far usare il social agli adolescenti nella maniera più sicura e positiva possibile, riducendo al minimo i rischi psicologici da esso derivanti.

Per accedere al sito dedicato, è possibile andare a questo indirizzo, anche se al momento non sembra ancora stato attivato. Qui di seguito, invece, trovate una breve presentazione della piattaforma.

Fonte: Instagram
  • fsa

    Credete davvero che questa iniziativa, che pure è utile e interessante, venga, non dico presa sul serio, ma giusto considerata dai ragazzi (che premeranno il pulsante Chiudi senza neppure leggere perché l’avviso copre la storia dell’amico che ha vinto la partita a Fortnite) o addirittura dai genitori corrispondenti (per loro è troppo faticoso educare i figli, meglio lagnarsi della generazione digitale e vantarsi di quanto erano giusti e retti loro ai tempi del liceo)?
    (parlo da adolescente che come tale conosce i suoi coetanei).