Iliad è l’operatore più lento d’Italia, parola di nPerf (foto)

Giuseppe Tripodi - Wind Tre non se la passa molto meglio, mentre Vodafone svetta in cima

Iliad è arrivato in Italia a fine maggio, dando una scossa al mercato della telefonia mobile del nostro paese. La concorrenza del nuovo operatore ha indubbiamente influito positivamente sui prezzi delle offerte, ma sulla qualità della rete ci sono opinioni contrastanti, che in buona parte dipendono dalla zona da cui ci si collega.

Tuttavia, stando al nuovo report di nPerf, attualmente Iliad è l’operatore più lento d’Italia e, al contrario, Vodadone mantiene il suo primato in termini di velocità. Per chi non la conoscesse ancora, nPerf è una società specializzata nelle analisi di velocità delle reti, che nelle scorse ore ha pubblicato un report relativo al primo semestre del 2018. Durante questo periodo, nPerf ha raccolto i risultati di 159.968 test (53.974 test di velocità, 22.794 test di navigazione, 20.125 test di streaming).

Prima di passare ai risultati, precisiamo che la raccolta dei dati è stata eseguita nei primi sei mesi del 2018 (fino a giugno) e che, quindi, non può tener conto di eventuali migliorie apportate da Iliad alla rete nei due mesi appena trascorsi.

Detto questo, la classifica stilata da nPerf e basata sulle misurazioni eseguite non lascia molti dubbi: attualmente, Iliad è l’operatore più lento per velocità di download e upload, anche se in entrambi i casi Wind Tre i risultati sono assolutamente comparabili con quelli ottenuti da Wind Tre (che per velocità media di upload è solo 0,04 Mbps migliore di Iliad). A tal proposito, il risultato peggiore ottenuto da Iliad è quello sulla latenza dove, con una velocità media di 103,94 ms, risulta sensibilmente più lenta degli altri operatori con infrastruttura.

LEGGI ANCHE: Offerte degli operatori

Piccola consolazioni per il tasso di efficienza di navigazione, dove Iliad totalizza un punteggio del 64,69%, leggermente superiore al 63,15% di Wind Tre, e per la percentuale di connessioni in LTE, dove Iliad arriva al 75,29% mentre Wind Tre si ferma a 67,71%. A proposito di connessioni LTE, nPerf precisa di escludere automaticamente dal conteggio i test eseguiti su smartphone che non supportano le reti 4G, ma di non poter escludere le connessioni in cui il 4G è disabilitato solo per motivi contrattuali (e questo, ovviamente, avrà penalizzato Wind Tre, poiché l’Opzione 4G è ancora un servizio a pagamento per i clienti Tre, che non tutti decidono di attivare).

Per farvi un’idea complessiva dell’andamento delle reti vi suggeriamo di consultare i grafici che potete trovare nella galleria qui sotto, tenendo presente che il punteggio di nPerf (assegnato in nPoints) dipende da velocità di download, velocità di upload e latenza.