Avete cambiato (quasi) tutti operatore nell’ultimo anno

Emanuele Cisotti

Non ce lo siamo inventati e non è solo una sensazione leggendo i vostri commenti. È un dato oggettivo raccontato dal nostro sondaggio della scorsa settimana. Non vi abbiamo chiesto verso quale operatore vi siete diretti o da quale venivate, ma volevamo infatti sapere genericamente quali erano le abitudini degli italiani quando si parla di cambio di operatore e quale motivo vi spinge a cambiare.

Negli ultimi 12 mesi ben l’86,5% di voi ha cambiato operatore. Poco meno del 15% è la percentuale di chi invece è rimasto fedele, almeno se parliamo dell’ultimo anno. Il motivo per cui avete cambiato operatore è quello più ovvio probabilmente. Il 62,8% di chi ha cambiato operatore nell’ultimo anno lo ha fatto per risparmiare. Nel 2018 in particolare abbiamo assistito all’arrivo di nuovi operatori (ovvero Iliad e Ho.) che hanno sicuramente aiutato a smuovere il mercato in tal senso. C’è però anche un 29,9% di voi (quindi quasi un terzo) che ha cambiato perché la propria offerta, con cui probabilmente non si trovava male, è stata rimodulata al rialzo. Questo è un dato interessante che dimostra come gli operatori storici hanno probabilmente calcato troppo la mano con i propri utenti.

Il 4,6% di voi ha voluto invece migliorare la ricezione nelle zone più frequentate e il restante 2,7% ha scelto di indicare altri motivi di rottura con il precedente operatore.