Frequenze 5G: ecco le sette aziende che parteciperanno al bando

Giuseppe Tripodi -

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha annunciato quali società parteciperanno al bando per aggiudicarsi l’utilizzo delle frequenze 5G in Italia, in particolare per le seguenti bande: 694-790 MHZ, 3600-3800 MHZ e 26.5-27.5 GHZ. A gareggiare per ottenere i diritti di utilizzo delle frequenze in questione saranno 7 aziende:

  • Iliad Italia
  • Telecom Italia
  • Fastweb
  • Vodafone Italia
  • Wind 3
  • Linkem
  • Open Fiber

Queste sette società avranno tempo fino al 10 settembre per presentare la propria offerta economica; tuttavia, Iliad si aggiudicherà automaticamente un lotto della banda 700 MHz (pari a 1/3 della banda). Il nuovo operatore italiano, infatti, in quanto nuovo entrante o remedy taker, è stato l’unico a poter partecipare alla procedura per il lotto riservato in banda 700 MHz, seguendo le norme stabilite dalla delibera 231/18/CONS di AGCOM. Le restanti due parti saranno messe all’asta come tutte le altre frequenze.

LEGGI ANCHE: Il primo smartphone con connettività 5G sarà un Lenovo e monterà Snapdragon 855

In sostanza, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha stabilito che un lotto della banda 700 MHz sarà riservato a chi, per particolari esigenze di mercato, si trova in posizione svantaggiata rispetto agli storici operatori nazionali. Il caso di questa banda è decisamente singolare: trovandosi sotto 1 GHz, fa parte delle frequenze più interessanti per gli operatori per le sue caratteristiche di ottima propagazione radioelettrica; tuttavia, attualmente la banda 700 MHz è utilizzata per il segnale del digitale terrestre e rimarrà occupata fino al 1 luglio 2022.

In sostanza, pagando solo la base d’asta, Iliad si assicurerà un lotto di una frequenza molto stabile , che però sarà l’ultima (in ordine di tempo) ad essere effettivamente utilizzabile per la telefonia; in ogni caso, l’azienda di Benedetto Levi potrà comunque partecipare anche al bando per le altre frequenze.

L’assegnazione delle frequenze 5G verrà stabilità in base a quanto le singole aziende saranno disposte ad offrire all’asta, ma ci vorrà ancora più di un mese prima di scoprire qualcosa su quali società si sono aggiudicate le nuove bande per le telecomunicazioni.

  • Mirco84

    Dall’articolo sembra che tutta la banda a 700MHz sia riservata ad Iliad, ma così non è: ha diritto ad avere 1 lotto di questa banda, gli altri operatori e la stessa Iliad potrà gareggiare per gli altri disponibili a 700MHz e quelli delle altre frequenze ovviamente.

    • peppeuz

      Hai ragione, distrazione mia: correggo l’articolo 🙂
      Grazie della segnalazione!

  • Pol Pastrello

    Spero vivamente che Linkem non si aggiudichi nulla; se guardate su Trustpilot scoprirete il motivo. E’ una delle “aziende” meno serie presente sul nostro mercato. Chiamarla “azienda” è già un lusso visto come si comportano.

    • Daaaaz

      su trustpilot praticamente ogni azienda telefonica ha una stella xD
      dal tuo ragionamento dovremmo sperare che nessuna di tutte le compagnie si aggiudichino nulla…ma dai…

      • Pol Pastrello

        Con Linkem hai la garanzia che funziona solamente lo speedtest, il resto va tutto a rilento, il p2p a 40KB, ma comunque non arrivi a 10mega, manco ci vai vicino!
        E’ evidente che tu non l’hai mai provata; andava meglio una ADSL di TIM a 3mega, altro che pelo sopra le altre. Se ci fosse un indice di qualità Linkem sarebbe abbondantemente dietro alle altre!

        • Daaaaz

          Rileggi meglio, non si discute se sia buona o meno (che tra l altro son daccordissimo che è penosa), ma si discute sul fatto che trustpilot non serve a na beata mazza xD

          • Pol Pastrello

            Il numero di recensioni negative che hanno è esagerato rispetto agli altri gestori che sono enormemente più grandi. Il tenore delle recensioni poi, molte da denuncia visto che parlano apertamente di “truffa” e lamentano tutti problemi di velocità e latenze inutilizzabili. Gli altri operatori parlano più di disservizi di varia natura, non sono tutti a senso unico. Se non entri nel merito di ciò che è pubblicato non puoi giudicare Trustpilot inutile.
            Comunque io non conosco nessuno soddisfatto di Linkem; se esiste però un indice di qualità alternativo a Trustpilot io lo accetto senza criticarlo.