WhatsApp inizia a monetizzare con i profili Business: cosa cambierà per gli utenti?

Giuseppe Tripodi -

WhatsApp ha appena annunciato le sue Business API, ossia una nuova serie di strumenti dedicati a chi ha un profilo commerciale. WhatsApp Business è stato lanciato a dicembre dello scorso anno, ma adesso le aziende che lo utilizzano avranno nuovi tool per comunicare con i clienti via WhatsApp.

In primo luogo, i profili Business potranno inviare messaggi non promozionali ai clienti che hanno lasciato il proprio numero: parliamo ad esempio di informazioni sugli acquisti eseguiti, biglietti o reminder per un evento, e ogni altro genere di comunicazione che può essere automatizzata. L’invio di questi messaggi avrà un costo fisso per i profili Business, anche se non ci sono informazioni in merito al tariffario.

Inoltre, tramite le API messe a disposizione da WhatsApp, le società potranno rispondere via chat a qualsiasi genere di richiesta da parte dei clienti, con una condizione particolare: non pagheranno nulla se per le risposte fornite entro 24 ore dalla richiesta, in caso contrario sarà applicata una tariffa (anche in questo caso, è ignoto quale sarà il costo del servizio). Verosimilmente, queste condizioni porteranno le grandi aziende a mantenere un buon livello di velocità nelle risposte (e, di conseguenza, a massimizzare la fiducia nei consumatori verso WhatsApp Business), ma allo stesso modo non scoraggeranno le piccole imprese che vorranno utilizzare il servizio e che non avrebbero alcun problema a rispondere alle richieste nel giro di un giorno.

In ogni caso, in un primo momento, le nuove API di WhatsApp Business saranno disponibili solo per 90 grandi società, tra cui Uber, Booking.com e KML Arilines, per poi espandersi gradualmente nei mesi successivi.

LEGGI ANCHE: Le videochiamate di gruppo su WhatsApp sono finalmente realtà!

C’è poi un’altra novità per le aziende che vogliono utilizzare WhatsApp Business: presto, potranno acquistare degli ads su Facebook che, se cliccati, rimandano il cliente in una chat WhatsApp con la società. I cosiddetti pulsanti click-to-chat potranno essere utilizzati per invitare gli utenti a comunicare direttamente con un’azienda con cui magari hanno già interagito. Ad esempio, immaginate di aver appena acquistato un biglietto per un concerto e di aver bisogno di informazioni: Facebook probabilmente ne sarà al corrente e un messaggio pubblicitario sul social network vi inviterà a chattare con la società che ha venduto il biglietto.

Ma cosa cambierà per gli utenti del’app di messaggistica? Quasi nulla, eccetto che WhatsApp passerà dall’essere una semplice app di messaggistica con cui chiacchierare con gli amici ad uno strumento utilizzabile per ricevere assistenza al cliente. Possiamo immaginare un po’ di scenari tipici: acquisteremo un biglietto e Trenitalia ci invierà il PDF via chat, prenoteremo una cucina da Ikea e riceveremo un messaggio su WhatsApp quandoW è tutto pronto per il ritiro, Amazon ci scriverà su WhatsApp per dirci che il fattorino consegnerà oggi il pacco, e così via. Ovviamente questo sono tutte ipotesi e, per quanto ne sappiamo, nessuna delle tre aziende nominate utilizza ancora WhatsApp Business.

Quel che è certo, però, è che l’assistenza clienti si sposterà sempre di più sulle chat: lo avevamo già visto fare con Facebook Messenger (e i relativi bot) ed era solo una questione di tempo prima che anche Zuckerberg iniziasse a monetizzare anche WhatsApp allo stesso modo.

Via: VentureBeat
  • fra

    A me sembra che gli esempi che avete proposto si possano fare già ora con una comunissima, e gratuita, email.

    • Mi fai un esempio di mail gratuita che possa soddisfare le esigenze di un’azienda?

      • DeST

        Immagino intenda che l’invio e la ricezione delle email è gratuita (indifferentemente dai tempi di risposta), in ogni caso se hai un business e vuoi essere presente su internet un dominio lo devi acquistare per forza, di conseguenza almeno una email legata al dominio te la ritrovi e la puoi usare benissimo al posto di whatsapp.
        Inoltre una email può essere usata anche da persone diverse contemporaneamente, whatsapp business è legata ad un solo numero attivato su un solo telefono… direi quindi che l’email è anche più comoda per le azionde

        • Name

          Ma soprattutto: perchè pagare se già da tempo c’è chi usa whatsapp (base) come app per le comunicazioni da e con i clienti? Whatsapp business non aggiunge nulla di più ed ora questo per “grandi aziende” anche a pagamento, il tutto senza possibilità di farlo usare a più persone contemporaneamente che mi sembra pura follia per un’azienda grande che può ricevere decine di richieste nello stesso momento.

          • SteveMcQueer

            dopo un certo numero di messaggi “promozionali” inviati via whatsapp, ti bloccano per rischio spam. e in effetti, specie ad oriente, non hai idea di che fabbriche di spam esistano…

          • Name

            Ok lo spam, ma se tu lo usi per fare assistenza ai clienti, quindi sono loro che scrivono a te per primi, non credo che rientri nello spam no?
            Quindi, in definitiva, è piuttosto inutile.
            Se poi lo si usa per iniziare ad inviare messaggi pubblicitari, credo proprio che gli utenti che ti avevano contattato per delle informazioni o assistenza ti bloccheranno appena si ritroveranno una decina di notifiche pubblicitarie xD

    • peppeuz

      Quante volte al giorno controlli la mail e invece quanto spesso apri WhatsApp? 🙂

      Appunto 😉

      • fra

        “Controllare la mail” mi fa tanto anni ’90, tu non hai la sincronizzazione attiva ?

        Appunto 😉