Iliad e i problemi dell’IP francese: ecco cosa succede (Aggiornato)

Giuseppe Tripodi -

Iliad è arrivato ufficialmente nel mercato italiano e, da due giorni, è possibile acquistare nuove SIM e richiedere portabilità verso l’operatore. Noi abbiamo comprato una SIM alle Simbox fuori dall’evento e, già dai primi test, avevamo notato un’anomalia: eseguendo una ricerca dalla barra di Chrome, la query veniva cercata da Google.fr e non Google.it. L’errore è durato poco, ma ha anticipato un problema ancora presente: sembra infatti che a molti utenti venga assegnato un IP francese, che crea problemi di geoblocking.

Ancora adesso, sulla SIM Iliad che stiamo utilizzando, l’indirizzo IP risulta di provenienza francese, come potete notare dallo screenshot qui sotto. Per chi non lo sapesse, l’indirizzo IP è una serie numerica che identifica univocamente un dispositivo connesso ad internet e fornisce alcune informazioni in merito, tra cui la posizione geografica.

Tuttavia, a causa di qualche errore di infrastruttura, attualmente tutti gli IP provengono dalla Francia, e questo è un problema per l’accesso a tutti i servizi che prevedono un qualche tipo di geoblocking, ossia di filtro in base alla posizione geografica. Ad esempio, dal sito Rai o dall’app RaiPlay non è possibile guardare i contenuti della TV nazionale, che sono limitati al pubblico residente in Italia.

LEGGI ANCHE: Ecco l’unica tariffa Iliad

Inoltre, il collegamento con un IP francese ovviamente rallenta il collegamento alla rete, seppur non di molto: se avete eseguito speedtest con una SIM Iliad, avrete verificato da voi che il ping è solitamente più alto di quello che si ottiene con le SIM degli altri operatori.

Abbiamo contattato Iliad per maggiori informazioni in merito, ma è molto probabile che l’errore verrà risolto a breve.

Aggiornamento31/05/2018

Iliad ha risposto alla nostra richiesta e ha confermato che il problema verrà risolto a breve; di seguito la dichiarazione dell’azienda:

Iliad conferma che a breve l’IP risulterà correttamente geolocalizzato in Italia per tutti i propri utenti, siamo in attesa che vengano effettuati gli aggiornamenti richiesti dagli enti competenti.