Snapdragon 710 apre le porte ad una nuova famiglia di SoC Qualcomm

Giuseppe Tripodi

Qualcomm ha svelato ufficialmente il suo nuovo chip Snapdragon 710, che introduce una nuova famiglia di processori di fascia alta (serie 7xx). Questo nuovo SoC, infatti, si pone a metà strada tra il top di gamma Snapdragon 845 e il medio-gamma Snapdragon 660, del quale rappresenta una notevole evoluzione.

Come per molte altre tecnologie degli ultimi tempi, anche per lo Snapdragon 710 la prima parola d’ordine è Intelligenza Artificiale: grazie al supporto dei più famosi framework (tra cui TensorFlow) e alcuni strumenti interni (come lo Snapdragon Neural Processing), questo SoC raddoppia le performance di machine learning rispetto allo Snapdragon 660.

Snapdragon 710 è in grado di riconoscere oggetti e volti, catalogare foto e molto altro operando esclusivamente in locale, grazie anche alla partnership con alcuni leader del settore come SenseTime, Face++, Ellipticlabs e altri.

Oltre che sull’Intelligenza artificiale, Qualcomm si concentra su altri quattro punti focali: Performance e batteria, Connettività, Fotocamera e Multimedia.

Parlando di performance, dal punto di vista architetturale lo Snapdragon 710 ha CPU Kyro 360 (3a generazione) con otto core: due dedicati alle prestazioni più impegnative (basati su Cortex A75e con clock a 2,2GHz) e altri sei utilizzati per le operazioni più comuni, che spiccano per efficienza energetica (basati su Cortex A35 con clock a 1,75GHz). La GPU è una Adreno 615, che garantisce il supporto ad Unreal Engine 4.1.2 e Unity 5.6 e promette il 35% di velocità in più nel rendering.

Complessivamente, Qualcomm parla di un incremento di performance del 20% rispetto allo Snapdragon 660, con un incremento di velocità nel browsing del 25% e lancio delle app più veloce del 15%. Nonostante l’aumento di prestazioni, diminuisce il consumo energetico: -40% per riproduzione video e gaming, -20% per streaming video. Questo si traduce in un miglioramento di autonomia e, ovviamente, non manca il supporto alla ricarica rapida Quick Charge 4+.

Ovviamente, questi risultati sono frutto anche del processo costruttivo a 10nm, ma contribuisce anche l’ISP Qualcomm Spectra 250. Questo nuovo Image Signal Processor permette di ridurre la quanittà di rumore in foto e video, supporta l’Active Depth Sensing (per il riconoscimento del volto) e la registrazione di filmati in slow motion, e riduce del 40% l’energia richiesta per la registrazione di video in 4K. Per quel che riguarda le fotocamere, il supporto è fino a 32 megapixel per un singolo sensore e fino a 20 megapixel per doppie fotocamere.

Le novità dell’ISP accompagnano quelle del comparto multimediale che, grazie al supporto alle immagini 10-bit, portano un grande passo avanti nella quantità di colori visibili; a tal proposito, ovviamente non manca il supporto a display 4K HDR.

Dulcis in fundo, parliamo un po’ di connettività: questo SoC utilizza il modem Snapdragon X15 LTE, con velocità di download fino a 800 Mbps, supporta la tecnologia 4×4 MIMO e dovrebbe garantire connessioni del 30% più veloci rispetto a Snapdragon 660. Non manca Bluetooth 5.0 e tecnologia TrueWireless Stereo

I primi dispositivi con Snapdragon 710 arriveranno nel secondo trimestre dell’anno: Qualcomm non ha rilasciato dichiarazioni in merito a quali saranno i primi modelli sul mercato, ma ha annunciato di star collaborando con diversi OEM che integreranno il suo SoC. In ogni caso, siamo già nel Q2, quindi non dovrebbe mancare molto prima di poter toccare con mano i primi device col nuovo chip di Qualcomm.

  • Marcello

    Quale consuma di meno: il 710 o l’845?

    • Nier

      710,.quindi forza mi8 SE