Apple rimborsa 60€ a chi aveva pagato troppo la sostituzione della batteria

Giuseppe Tripodi

Apple ha deciso di rimborsare 60€ per chi aveva sostituito la batteria di iPhone 6 e superiori fuori garanzia tra il 1 gennaio e il 28 dicembre 2017, ossia prima che venisse avviato il programma di sostituzione della batteria a prezzo ridotto. Come probabilmente ricorderete, a metà dicembre dello scorso anno una serie di test condotti da terzi dimostrò che i rallentamenti di iPhone 6/6s/7 erano causati da una deliberata strategia dell’azienda di Cupertino: iOS eseguiva un downclock del processore nel caso in cui la batteria fosse deteriorata, al fine di evitare spegnimenti improvvisi dello smartphone.

Che si trattasse di un’operazione legittima o di obsolescenza programmata poco importa, perché in seguito allo “scandalo” che fece molto parlare di sé Apple decise di tagliare nettamente il costo della sostituzione della batteria: 29€ invece dei canonici 89€.

LEGGI ANCHE: Apple ha eliminato le app che condividono la posizione con servizi di terze parti

Per questa ragione, la società della mela ha deciso di rimborsare 60€ (ossia la differenza pagata in più) a chiunque abbia sostituito la batteria nel 2017: i clienti idonei al rimborso verranno contattati da Apple entro il 27 luglio 2018 e riceveranno il rimborso sulla carta di credito con cui hanno effettuato il pagamento (o, eventualmente, con altri sistemi di pagamento). Nel caso in cui non veniate contattati da Apple ma riteniate di dover diritto al rimborso, potete contattare il supporto clienti a partire dal 1 agosto 2018.

Si tratta certamente di un’iniziativa lodevole da parte di Apple, che in occasioni simili non perde occasione per dimostrarsi vicina ai propri clienti.

Fonte: Aooke