In arrivo rimodulazioni anche per i clienti Vodafone in abbonamento: 3€ di rincaro, ma anche 10 GB in più

Edoardo Carlo Ceretti Dal 10 giugno, la bella sorpresa dell'aumento dei GB disponibili, ma dalla prima fattura dopo il 16 settembre, la doccia fredda.

«A causa delle mutate condizioni di mercato…»: quando una comunicazione inizia in questo modo, non lascia intendere nulla di buono. E in effetti, per i clienti mobile in abbonamento di Vodafone sono in arrivo le tanto temute rimodulazioni, che tuttavia potrebbero risultare meno amare rispetto ad altre volte, diciamo almeno agrodolci.

A partire dal 10 giugno 2018 infatti, tutti i clienti in abbonamento si ritroveranno ben 10 GB in più nel computo dei dati internet a propria disposizione ogni mese. Non si tratta tuttavia di un regalo, quantomeno non a lungo termine. Perché a partire dalla prima fattura successiva al 16 settembre 2018, la cifra da corrispondere a Vodafone subirà un rincaro di 3€ al mese.

LEGGI ANCHE: Tutte le offerte Vodafone

Che sia una rimodulazione congrua con le vostre aspettative o meno, Vodafone lo lascerà (per legge) decidere a voi, dandovi la possibilità di recedere dal contratto o di migrare verso un altro operatore, senza penali né costi di disattivazione. Qui sotto vi riportiamo per esteso la comunicazione di Vodafone, dove trovate anche le modalità per recedere.

 Modifica delle condizioni dei servizi per i clienti privati mobile in abbonamento

A causa delle mutate condizioni di mercato, a partire dal 10 giugno 2018 alcune offerte in abbonamento avranno 10 Giga in più al mese che si aggiungeranno a quelli già inclusi nell’offerta. Inoltre, a partire dalla prima fattura emessa dopo il 16 settembre 2018, le stesse offerte insieme ad altre offerte mobile in abbonamento avranno un aumento del canone mensile di 3 euro in modo da consentirci di continuare a garantire la qualità dei servizi legata ai nostri investimenti sulla rete.

Tutti i clienti interessati riceveranno una comunicazione in fattura e potranno recedere dal contratto o passare ad altro operatore senza penali ne’ costi di disattivazione fino al giorno prima della variazione contrattuale, ovvero fino al giorno precedente all’emissione della prossima fattura, specificando come causale del recesso “modifica delle condizioni contrattuali”. Il diritto di recesso può essere esercitato gratuitamente su variazioni.vodafone.it, inviando una raccomandata A/R a Servizio Clienti Vodafone, casella postale 190 – 10015 Ivrea (TO), scrivendo via PEC all’indirizzo disdette@vodafone.pec.it, chiamando il Servizio Clienti al 190 o compilando l’apposito modulo nei negozi Vodafone, esplicitando la causale sopraindicata. I clienti che decidono di recedere e hanno un’offerta che include telefono, tablet, Mobile Wi-Fi, Vodafone TV o che prevede un contributo di attivazione a rate continueranno a pagare le eventuali rate residue addebitate con la stessa cadenza e con lo stesso metodo di pagamento che hanno scelto. In caso di recesso, per non perdere il numero, dovranno anche passare contestualmente ad altro operatore senza penali ne costi di disattivazione. Per avere maggiori informazioni sulle modifiche contrattuale puoi contattare il 42590.

Fonte: Vodafone