Il traffico dati cresce vertiginosamente in Italia, merito di fibra ottica e reti mobili

Vezio Ceniccola

Il nuovo report dell’AGCOM relativo allo stato di salute di Internet in Italia nel 2017 conferma nuovamente la tendenza già registrata negli anni precedenti: il numero di utenti che si connette alla rete cresce ancora, sia grazie alle reti a banda larga e ultra-larga – ormai sempre più diffuse nel nostro Paese – che alle reti mobili sempre più veloci ed efficienti.

Parlando di numeri, sono ben 16,6 milioni le linee Internet a banda larga attive in Italia, con un aumento di 1 milione di unità nel corso dell’ultimo anno. Il calo delle connessioni tramite tecnologia xDSL è stato bilanciato e supportato dalla netta crescita delle linee su fibra ottica, che da sole sono aumentate di circa 2,33 milioni di unità. Questo ha permesso di aumetare la velocità media delle connessioni nel nostro Paese: oltre il 27% degli utenti possiede una rete a velocità di 30 Mbps o superiore, con un incremento del 12% rispetto all’anno precedente.

Ancora più interessanti le notizie relative alle reti mobili. Come abbiamo visto ieri, il numero delle SIM in Italia ha sfondato il tetto dei 100 milioni, con una crescita molto sostenuta – circa 4,1 milioni in più – per per le SIM M2M (machine to machine), che segna dunque un’attenzione molto alta per le tecnologie legate all’Internet of Things. L’aumento di linee ha comportato anche un aumento del traffico dati complessivo, in crescita del 49,5% rispetto a dicembre 2016: ogni utente consuma mediamente 2,76 GB di dati al mese, e sono ben 53 milioni le SIM che si sono connesse alla rete nel Q4 2017.

Com’è facile intuire, la maggior parte del traffico dati in Italia viene indirizzato sulle app più popolari, vale a dire quelle di Facebook e Google. L’uso degli strumenti legati ai due giganti del mondo digitale cresce di oltre il 10% nel nostro Paese, ma si segnalano ottimi di crescita anche per Instagram (appartenente sempre al gruppo Facebook), LinkedIn e Pinterest.

LEGGI ANCHE: Cosa sta succedendo tra la Russia e Telegram

Nel complesso, le condizioni tecnologiche delle reti e dei servizi presenti in Italia sembrano promettere bene, ma la situazione potrebbe ulteriormente migliorare con l’arrivo delle nuove tecnologie in sviluppo in questi anni. Molti operatori stanno già testando le reti 5G in alcune città italiane e tanti altri servizi dedicati all’IoT sono già pronti al debutto, dunque preparatevi ad essere ancora più connessi in futuro.

Per maggiori informazioni sui dati riportati, potete far riferimento al rapporto completo di AGCOM, disponibile a questo indirizzo.

Via: Corriere Comunicazioni