Il nuovo Snapdragon 845 si fa un giro sui vari benchmark, ma cosa ne possiamo dedurre?

Vincenzo Ronca

Vi abbiamo già parlato del nuovo chipset di Qualcomm presentato alla fine dello scorso anno. Un attimo dopo la sua presentazione sono partite le varie supposizioni e speculazioni su quali device potrebbero integrarlo, e sicuramente e logicamente lo troveremo sui top di gamma di questo 2018. Oggi vi parliamo della prima prova del nuovo Snapdragon 845: i colleghi di Android Central, infatti, hanno avuto modo di provare uno smartphone di test al cui interno era integrato il neo prodotto di punta di Qualcomm. E, come vi aspetterete, l’hanno dato in pasto a vari benchmark.

Come abbiamo spesso argomentato, i risultati derivanti da questo tipo di test non potranno mai essere facilmente ed unicamente interpretabili. Ci sono troppe variabili che non possiamo controllare nell’esecuzione dei benchmark per i quali i relativi risultati non possono farci dire “questo score è buono, quest’altro no”. I nostri colleghi hanno testato lo smartphone di prova con 12 diversi benchmark per spingere al massimo CPU, GPU ed i supporti di memoria, dei quali gli ultimi quattro sono stati eseguiti da browser Chrome. Il dispositivo in questione integrava uno schermo LCD con risoluzione 2.560 x 1.440 pixel e 6 GB di RAM.

LEGGI ANCHE: Tutto quello da sapere su Snapdragon 845

I risultati ottenuti con AnTutu parlano di un punteggio totale di 259.180, mentre con GeekBench è stato totalizzato 2.481 in single core e 8.452 in multi core; se volete consultare nel dettaglio tutti gli score ottenuti con tutti i benchmark, vi rimandiamo alla galleria in basso. Sono punteggi molto elevati, è vero, e vi basterà confrontare i benchmark da noi fatti nelle ultime recensioni per rendervene conto; ma non è questo il punto.

Lo Snapdragon 845 non è semplicemente un processore, ma una piattaforma mobile: oltre alla CPU octa-core, offre una potente GPU, un avanzato modem LTE, una memoria dedicata e un processore specifico per le immagini. Non possiamo, quindi, trarre una conclusione unica da questi benchmark perché solo alcuni di essi testano tutte le componenti sopra citate e lo fanno in maniera ed intensità diverse.

Una piattaforma mobile come lo Snapdragon 845, per essere giudicata in modo completo, deve essere necessariamente provata in una situazione realistica, con un device ed un software provenienti dal mondo reale (qualcuno ha detto Galaxy S9?). Ne riparleremo quindi nei mesi a venire, confrontando le varie implementazioni dei produttori che lo monteranno nei propri top di gamma.

 

Fonte: Android Central