Huawei mostra una batteria da 3.000 mAh che si ricarica del 48% in 5 minuti! (aggiornato: finalmente in arrivo?)

Nicola Ligas -

Il 2015 non sarà ricordato come l’anno con gli smartphone più longevi della storia, almeno dal punto di vista dell’autonomia, ma è stato senz’altro l’anno in cui il quick charging si è diffuso in maniera abbastanza ampia. Ma ad Huawei questo non basta.

Durante il 56° Battery Symposium tenutosi recentemente in Giappone, Huawei Watt Lab ha mostrato due batterie diverse, entrambe agli ioni di litio, con velocità di ricarica sorprendenti. La prima, da 600 mAh (una capacità più o meno di classe smartwatch), può essere ricaricata del 68% in due minuti; la seconda, da ben 3.000 mAh e con una densità di energia di oltre 620 Wh/L, arriva al 48% in 5 minuti.

LEGGI ANCHE: Batterie a idrogeno da Apple

Huawei è convinta che questa scoperta porterà ad una rivoluzione in svariati dispositivi elettronici, dagli smartphone, ai veicoli elettrici, passando per i wearable ed anche i power bank. Resta da capire se e quando sarà impiegata nei primi modelli commerciali, ma in attesa di novità che aumentino capacità ed autonomia, la strada della ricarica veloce è senz’altro un passo importante per non restare a secco sul più bello.

Aggiornamento17/01/2018 ore 12:50

Sono passati oltre due anni da questo nostro articolo, e siamo convinti che nessuno dei lettori ci pensasse più. Oggi ci siamo però imbattuti in un nuovo video, appena pubblicato da Huawei, che sostanzialmente descrive questa stessa tecnologia di ricarica rapida. L’azienda ha infatti mostrato spezzoni dei due filmati precedenti, e parla proprio di una ricarica del 48% in 5 minuti, affermando poi che verrà impiegata non solo negli smartphone o nei power bank, ma anche nei PC o nei veicoli elettrici.

Che ci stiamo finalmente avvicinando all’agognato debutto? Vorremmo potervi dire di sì, ma in realtà ancora non lo sappiamo. Certo è che il problema dell’autonomia necessita da anni di una soluzione, e la ricarica ultra-rapida è solo una parte di questa.

Via: ITProPortal