Telegram verso il grande salto nell’universo delle criptovalute: in arrivo un suo Bitcoin? (video)

Edoardo Carlo Ceretti

Nonostante in questi giorni il Bitcoin stia attraversando il suo primo vero periodo di crisi – quasi dimezzando il proprio valore rispetto al picco massimo raggiunto – l’interesse verso l’universo delle criptovalute non è di colpo scomparso. Anzi, presto Telegram potrebbe decidere di fare il grande salto, lanciando TON (Telegram Open Network) – una piattaforma blockchain – e una sua propria criptovaluta, che potrebbe chiamarsi Gram.

Già attualmente, Telegram è la piattaforma di messaggistica più diffusa fra gli operatori del settore delle criptovalute, grazie alla sua spiccata propensione al mantenimento della privacy degli utenti che la utilizzano quotidianamente, tanto che Pavel Durov – fondatore di Telegram assieme al fratello Nikolai, nel 2013 – ha recentemente affermato che l’intera comunità blockchain e delle criptovalute è già passata a Telegram.

LEGGI ANCHE: Telegram si aggiorna: arrivano album e messaggi salvati

Il fine di Durov sarebbe quello non solo di iniziare a monetizzare (affinché si autofinanzi) il suo servizio di messaggistica – che consta ormai di ben 180 milioni di utenti nel mondo – ma anche di offrire un metodo per far circolare liberamente somme di denaro anche all’interno di paesi sotto il giogo di regimi totalitari, che limitano anche la libertà economica e finanziaria dei propri cittadini.

La notizia è stata riportata in esclusiva da Cointelegraph, corroborata anche da un video di presentazione della piattaforma TON, trapelato su Facebook e poi caricato anche su YouTube (lo trovate a fondo articolo). Non sappiamo quale piega potrà prendere la vicenda (trovate dettagli tecnici più approfonditi nella fonte), l’augurio è che Telegram non finisca per snaturare la sua attuale missione, ovvero di assicurare un ottimo servizio di messaggistica, nel rispetto della privacy degli utenti.

Anche se mi offrissero 20 miliardi di dollari, Telegram non è in vendita. Questa è una garanzia a vita (sulla privacy degli utenti).

Pavel Durov

Via: RepubblicaFonte: Cointelegraph