Se il vostro vecchio iPhone è diventato lento la “colpa” è di Apple (e della batteria)

Giuseppe Tripodi - Sembra proprio che Apple abbia rallentato deliberatamente gli iPhone più datati per limitare il consumo di batteria

Poco più di una settimana fa, su reddit è apparso un post che suggeriva una correlazione tra il rallentamento di alcuni modelli di iPhone e il deterioramento della batteria. In particolare, l’utente noto come TeckFire sosteneva che a partire da iOS 10.2.1, Apple avesse deliberatamente downclockato i processori di alcuni modelli (in particolare iPhone 6 e 6s e rispettive varianti Plus) per diminuire il consumo di energia e prolungare la durata della batteria.

La sua tesi si basava su una prova empirica: eseguendo un test su Geekbench col suo iPhone 6s che aveva perso il 20% della capacità originale della batteria, aveva ottenuto un un punteggio di 1466 in single core e 2512 in multi core. Dopo aver sostituito la batteria, con lo stesso identico dispositivo ha totalizzato 2526 in single core e 4456 in multi core. Inoltre, come forse ricorderete, iOS 10.2.1 era stato promesso da Apple come la soluzione ai problemi di autonomia che affliggevano i dispositivi e causavano spegnimenti improvvisi di iPhone 6 e iPhone 6s.

L’ipotesi, quindi, trovava riscontro, ma oggi è stata ulteriormente confermata da John Poole, fondatore di Geekbench, che ha eseguito un po’ di test su iPhone 6s e iPhone 7. Poole ha messo in relazione i risultati ottenuti su Geekbech 4 con la stima kernel di densità, ripetendo i risultati con entrambi i dispositivi per iOS 10.2.0, iOS 10.2.1 e iOS 11.2.0.

Senza perderci troppo in tecnicisimi quel che viene fuori analizzando i picchi è che, a partire da iOS 10.2.1, iPhone 6s sembra proprio aver subito un downclock del processore, che è peggiorato ulteriormente con iOS 11.2; quest’ultima versione del firmware, inoltre, introduce i blocchi anche su iPhone 7, che invece non era stato toccato con iOS 10.2.1.

iPhone 6s a sinistra (con iOS 10.2.0, iOS 10.2.1 e iOS 11.2); iPhone 7 a destra (con iOS 10.2.0, iOS 10.2.1, iOS 11.1.2 e iOS 11.2). Tenete d’occhio i picchi di mezzo sull’asse Y

Nonostante ci sia ormai poco da aggiungere, dal canto nostro abbiamo eseguito un’ulteriore prova, lanciando Geekbench 4 su un iPhone 6 con iOS 11.2 acquistato al day one, ossia il 24 settembre 2014. Il dispositivo ha totalizzato un punteggio di 835 in single core e 1432 in multi core; normalmente, basandosi su quanto si legge su Geekbench, la media dei punteggi per questo modello è di 1412 per single core e 2383 per multi core.

Insomma, sembra proprio che Apple abbia davvero rallentato i propri dispositivi al fine di ridurre i consumi e, di conseguenza, aumentare l’autonomia. In termini tecnici si parla di throttling, ossia un sistema che abassa le frequenze di lavoro e l’energia richiesta dalla CPU per preservare il sistema: solitamente questo processo si usa per evitare surriscaldamenti (si parla infatti di thermal throttling), mentre in questo caso è legato non alla temperatura ma al voltaggio residuo della batteria. Semplificando, più la batteria è usurata, più le performance verranno ridotte.

Il problema è che tutto ciò si è tradotto in performance nettamente peggiori per alcuni utenti che, tra l’altro, non potevano sapere che il rallentamento del proprio smartphone dipendeva unicamente dalla batteria logorata e, magari, sarebbero stati portati a pensare che era ora di cambiare modello (invece che sostituire semplicemente batteria).

Come suggerisce Poole, tutto questo finirà nel grande calderone della cosiddetta obsolescenza programmata: se rallentare lo smartphone per migliorare l’autonomia sia legittimo o meno lo lasciamo decidere a voi, ma sicuramente un’informativa in merito sarebbe stata apprezzata.

Grazie a Simone per il contributo

Aggiornamento21/12/2017 ore 09:00

Apple ha confermato a TechCrunch quanto riportato qui sopra, ovvero che il calo di performance è intenzionale, allo scopo di prolungarne l’autonomia. Ecco la dichiarazione dell’azienda.

Our goal is to deliver the best experience for customers, which includes overall performance and prolonging the life of their devices. Lithium-ion batteries become less capable of supplying peak current demands when in cold conditions, have a low battery charge or as they age over time, which can result in the device unexpectedly shutting down to protect its electronic components.

Last year we released a feature for iPhone 6, iPhone 6s and iPhone SE to smooth out the instantaneous peaks only when needed to prevent the device from unexpectedly shutting down during these conditions. We’ve now extended that feature to iPhone 7 with iOS 11.2, and plan to add support for other products in the future.

Fonte: Geekbench