In Francia non si potranno più usare gli smartphone a scuola, neanche durante l’intervallo

Giuseppe Tripodi

Il ministero dell’Istruzione francese, Jean-Michel Blanquer, ha annunciato l’intenzione di vietare completamente l’utilizzo degli smartphone nelle scuole: non sono ancora stati definiti i dettagli della legge, ma il provvedimento riguarderà tutti gli studenti fino ai 14-15 anni (elementari e medie).

Vale la pena precisare che dal 2010 in Francia è già in vigore una norma che impedisce agli alunni di usare i dispositivi durante le ore di lezione, ma gli smartphone possono essere utilizzati nelle pause, a pranzo e durante l’intervallo; al contrario, con la nuova normativa, il divieto verrà esteso a anche a questi momenti di relax. Insomma, a prescindere da quel che si sta facendo, agli studenti non sarà permesso utilizzare gli smartphone nei locali scolastici.

LEGGI ANCHE: Lo smartphone ci rende stupidi, anche quando non lo usiamo

Il ministero, comunque, sta ancora lavorando per definire meglio i limiti e, ad esempio, consentirne l’utilizzo in caso di emergenza o per motivi didattici. Inoltre, attualmente non sono chiare neanche le modalità di attuazione: una delle ipotesi prevede che tutti gli alunni ripongano lo smartphone in appositi armadietti prima dell’inizio delle lezioni, per poi riprenderlo prima di tornare a casa.

Inutile specificare che l’annuncio ha già sollevato un polverone, dividendo genitori e insegnanti tra i favorevoli, che pensano che l’assenza fisica del dispositivo possa portare benefici agli alunni e chi reputa la normativa un’esagerazione. Voi cosa ne pensate della vicenda? Fatecelo sapere con un commento qui sotto.

Via: IlPost