Neanche il creatore di Geekbench si spiega perché iPhone 8 sia così più veloce di Android

Giuseppe Tripodi -

Sin da quando è apparso per la prima volta su Geekbench, Apple A11 Bionic (ossia il chip presente su iPhone 8 e iPhone X) ha lasciato tutti stupiti con i suoi altissimi punteggi.

Di recente, in un test eseguito dai colleghi di Tom’s Guide su Geekbench 4, in termini di performance multicore iPhone 8 ha ottenuto un punteggio di 10.170 (iPhone 8 Plus arriva invece a 10.472), un valore nettamente più alto di qualsiasi smartphone Android: tra i dispositivi con il sistema operativo del robottino verde, il punteggio più alto è stato quello raggiunto da Galaxy Note 8, pari a 6.564.

Confronto benchmark eseguito da Tom’s Guide

Pur lasciando da parte il paragone con i due laptop (Macbook Pro 13 e Dell XPS 13), il confronto con gli smartphone Android è davvero impressionante: stando ai risultati di Geekbench, infatti, iPhone 8 è del 54% più veloce di Galaxy Note 8. E, anche in tutti gli altri test eseguiti (inclusi esportazione di un filmato in 4K e apeetura di un PDF), il top di gamma della mela è risultato estremamente più performante del phablet di Samsung.

Per questa ragione, il team di Tom’s Guide ha deciso di intervistare John Poole, il creatore di Geekbench, per chiedere cosa ne pensasse di questa disparità.

LEGGI ANCHE: Nonostante il prezzo, Apple guadagna meno da iPhone X

Poole si è detto stupito della differenza e, ad esser sinceri, dalle sue parole traspare anche un po’ di delusione per le performance di Android:

Quel che non capisco è perché le performance sembrano essere così stagnanti sul fronte Android, dove non si vedono grandi passi in avanti. Non capisco cosa stia succedendo, da quelle parti.

Inoltre, lo stesso Poole ha poi evidenziato come si tratti di performance di classe desktop, sebbene ovviamente non abbia troppo senso paragonare uno smartphone ad un laptop, considerando che si tratta di tipologie di prodotti completamente diversi.

Via: BGRFonte: TomsGuide