L’UE vuole dispositivi più riparabili, a partire dalle batterie removibili (video)

Giuseppe Tripodi Il Parlamento Europeo punta il dito contro l'obsolescenza programmata e chiede dispositivi che possano essere riparati, invece che buttati e sostituiti

Quando si parla di obsolescenza programmata ci si riferisce ad una strategia industriale che punta a definire il ciclo vitale di un prodotto, facendo in modo che un dispositivo diventi inutilizzabile (o quanto meno obsoleto) dopo un certo periodo di tempo, al fine di vendere nuovi modelli.

È proprio contro questa strategia di mercato che si muovono le recenti iniziative del Parlamento Europeo, che ha approvato una serie di raccomandazioni rivolte alle aziende che producono dispositivi elettronici. Precisiamo che si tratta di raccomandazioni, che non costituiscono alcun vincolo legale.

L’idea dell’Unione Europea è che i consumatori dovrebbero essere in grado di poter riparare i propri dispositivi, anche autonomamente o tramite centri specializzati, e non essere costretti a sostituire l’intero dispositivo quando una parte viene danneggiata. Questa iniziativa nasce con l’obiettivo di ridurre gli sprechi (le componenti elettroniche sono molto inquinanti), far risparmiare i consumatori europei e persino favorire nuovi impieghi, tramite la nascita di centri di riparazione.

LEGGI ANCHE: L’UE dice sì allo streaming libero: niente più limiti geografici per Netflix e soci

Per questo motivo, le raccomandazioni che l’UE rivolge alle società sono le seguenti:

  • prodotti di buona qualità, robusti e facilmente riparabili, con “criteri di resistenza minima” da stabilire per ogni categoria di prodotto, sin dalla fase di progettazione;
  • estensione del periodo di garanzia: se una riparazione richiede più di un mese, la garanzia dovrebbe essere prolungata del tempo impiegato per la riparazione;
  • gli stati membri dovrebbero fornire incentivi per produrre prodotti riparabili, sostenere le riparazioni e le vendite di seconda mano: questo aiuterebbe a creare posti di lavoro e ridurre gli sprechi;
  • i consumatori dovrebbero potersi rivolgere a riparatori indipendenti: tecnologie o software che impediscono le riparazioni da parte di terzi (e non eseguite dall’azienda) dovrebbero essere scoraggiati;
  • le componenti essenziali, come batterie e LED, non dovrebbero essere fissate al prodotto, eccetto che per ragioni di sicurezza;
  • i pezzi di ricambio indispensabili per il funzionamento di un prodotto dovrebbero essere disponibili ad un prezzo commisurato alla natura e al ciclo di vita del prodotto;

Inoltre, l’UE si pone l’obiettivo di stabilire una definizione chiara e diffusa di obsolescenza programmata, nonché creare un sistema che possa identificarla e creare misure dissuasive per i produttori che la adottano.

Infine, il Parlamento Europeo suggerisce alla Commissione Europea di considerare un’etichettatura volontaria Europea, che riguardi la durabilità di un prodotto, l’ecosostenibilità, la riparabilità e così via. Per spiegare meglio di cosa si tratta, immaginate le etichette che i produttori applicano ad alcuni beni alimentari (ad esempio per indicare provenienza etc) ma con una sorta di punteggio di riparabilità in stile iFixit.

A scanso di equivoci precisiamo che le raccomandazioni riguardano non solo smartphone e tablet, ma qualsiasi dispositivo elettronico (lavatrici, frigoriferi, tostapane e chi più ne ha, più ne metta) e, per concludere, vi lasciamo ad un video sul tema pubblicato su Twitter dal Parlamento Europeo.

Via: EngadgetFonte: Parlamento Europeo