HMD logo final

Cos’è HMD, l’azienda che realizzerà i Nokia con Android

Emanuele Cisotti - E perché definire i Nokia con Android smartphone cinesi è (in parte) sbagliato.

Si parla moltissimo in questi giorni di HMD in merito al lancio ufficiale del primo smartphone Android a marchio Nokia (perdonateci ma chiudiamo un occhio sulla famiglia X). Spesso si leggono commenti riguardo al fatto che i nuovi smartphone Nokia siano dei cinesi rimarchiati o che genericamente non siano più smartphone finlandesi. Scopriamo cosa c’è di vero e cos’è HMD.

Un po’ di storia su Nokia e Microsoft

Nokia nasce nel 1865 in riva al fiume Nokianvrita come azienda di falegnameria, diventata poi produttrice di stivali, poi di cavi telefonici, poi di computer e TV e infine telefoni cellulari. Nokia ha una lunga storia ricca di grandi successi, compresi vari palmari e smartphone, fino all’arrivo degli smartphone con touch capacitivo (qualcuno direbbe semplicemente dell’iPhone) e l’incapacità dell’azienda di rimanere al passo dal punto di vista hardware e software. L’azienda punta tutto sul sistema operativo Windows Phone lanciando sul mercato alcuni smartphone a marchio Lumia.

Le vendite non sono sufficienti a salvare il destino dell’azienda e Microsoft nel 2014 acquisisce la divisione Devices and Services di Nokia, in pratica quella che si occupa di realizzare telefoni cellulari. Microsoft si riserva il diritto di utilizzare il marchio Lumia e obbliga Nokia (ovvero l’azienda che rimane assieme a tutti gli altri servizi) a non poter realizzare smartphone fino al 2017. L’azienda tenta quindi solo un timido tentativo con N1, un tablet per la Cina con Android a bordo lanciato nel 2015.

Microsoft non riesce a far fruttare il suo acquisto e la sezione relativa al mobile viene svalutata di quasi l’intero valore di acquisto. Nel frattempo Nokia, liberatosi del “fardello” del mobile fa acquisizione importanti: Alcatel-Lucent (ovverio la principale rivale nel mondo delle infrastrutture per le telecomunicazioni) e Withings.

HMD e il ritorno di Nokia

Il 18 maggio 2016 Microsoft conclude la vendita di una parte della sua divisione Mobile alla neonata azienda finlandese HMD global. L’azienda firma un accordo con Nokia Corporation per poter utilizzare il suo marchio per la realizzazione di smartphone e tablet per i successivi 10 anni. Oltre a questo potrà anche utilizzare i brevetti essenziali relativi ai cellulari, così come i diritti sui design (tutte cose che Microsoft aveva acquistato a suo tempo). In questo modo HMD rimane l’unica azienda al mondo che può produrre Nokia. HMD ha dichiarato che farà un investimento di 500 milioni di dollari per sostenere la commercializzazione dei prodotti nei primi 3 anni.

Cos’è HMD

Come detto HMD global è un’azienda con sede a Helsinki in Finlanda (Nokia aveva invece sede a Espoo, sempre in Finlandia) con una storia in buona parte proveniente da Nokia. Il CEO è Arto Nummella, ex dipendente Nokia dal 1994 e che si era poi unito a Microsoft Mobile nel 2014. Il presidente è invece Florian Seiche, anche lui ex dipendente Nokia, con un passato in Siemens, Orange e HTC. C’è poi anche Pekka Rantala nel team di HMD. Si tratta dell’ex CEO di Rovio (azienda Finlandese creatrice di Angry Birds) e adesso direttore marketing di MHD. Nel consiglio di amministrazione di HMD ci sarà anche un rappresentante di Nokia Corporation per controllare che il brand sia utilizzato secondo i requisiti dell’azienda e che i prodotti immessi sul mercato abbiano lo standard che gli utenti possano aspettarsi da Nokia. Sicuramente una buona notizia per i consumatori finali.

HMD global è una proprietà del fondo Smart Connect LP, gestito da Jean-François Baril in passato vicepresidente senior di Nokia (1999-2012) e che ha avuto ruoli di rilievo anche in Compaq e HP.

FIH e la Nokia cinese

Parliamo del nodo fondamentale: perché si sente dire che Nokia è cinese? Il motivo principale è che la maggior parte delle acquisizioni, o acquisizioni di brand, è quasi sempre di provenienza cinese (si pensi a Alcatel, BlackBerry o Motorola) e che molti degli sforzi che vengono fatti in questo momento da Nokia sono sul territorio cinese.

Una parte di quella che un tempo era Nokia ora è di una società taiwanese, per la precisione FIH Mobile, una sussidiaria di Foxconn, azienda leader nella produzione di smartphone per una moltitudine di brand diversi come Apple, Dell, HP, Sony, Blackberry, Xiaomi, Nintendo, Microsoft e molte altre.

Questa azienda ha infatti acquistato quello che rimaneva della vecchia divisione mobile di Microsoft, in precedenza Nokia. Parliamo della produzione di feature phone, delle fabbriche e della distribuzione. La nuova HMD finlandese ha stretto un accordo di esclusività con FIH per la produzione e la distribuzione degli smartphone e tablet Nokia che verranno quindi realizzati nelle fabbriche cinesi di FIH Mobile.

Si tratta quindi di una collaborazione fra un’azienda finlandese e una taiwanese per produrre smartphone in Cina. Sostanzialmente quello che fa quasi qualsiasi azienda di elettronica del mondo. Dire quindi che gli smartphone Nokia siano “cinesi” è sbagliato, al pari di come sarebbe sbagliato dire che un iPhone è uno smartphone cinese o un Surface Studio sia un all-in-one cinese. Non è però neanche del tutto corretto paragonare questi Nokia a Apple o Microsoft visto che la parte di ricerca e sviluppo, per quanto l’azienda in comando rimanga HMD, saranno delegate proprio a FIH.

Al momento HMD realizzerà il suo primo dispositivo (e probabilmente anche quelli successivi) per il solo mercato cinese. In quel senso sì, possiamo idealmente considerare i Nokia degli smartphone cinesi.