Quali sono gli smartphone più riparabili del 2016? Ce lo dice iFixit con questa infografica (foto)

Andrea Centorrino -

Il 2016 volge al termine, ed in occasione della fine dell’anno, iFixit guarda indietro e compila un’infografica degli smartphone più facilmente riparabili che ha avuto modo di smontare in questi 12 mesi.

Al primo posto troviamo lo smartphone che ha puntato tutto sulla modularità, ovvero LG G5, con 8 come punteggio: la batteria removibile ed i componenti interni anch’essi modulari lo rendono lo smartphone più riparabile del 2016.

In seconda posizione troviamo Google Pixel e Pixel XL, non propriamente semplici da aprire ma con componenti modulari che ne semplificano la sostituzione in caso di rottura. A pari merito, ma posti sul gradino più basso del podio, troviamo Apple iPhone 7 e la variante Plus, che nonostante presentino una procedura di apertura abbastanza semplice, necessitano di quattro diversi cacciaviti per portarla a termine.

Al quarto posto c’è ancora un prodotto Apple, ovvero iPhone SE, che presenta schermo e batteria facilmente sostituibili: si dovrà però prestare attenzione al cavo del Touch ID, particolarmente fragile. La quinta posizione appartiene ad uno smartphone fantasma, che ha letteralmente fatto “il botto” al lancio: Samsung Galaxy Note 7.

LEGGI ANCHE: I migliori smartphone Android, per fasce di prezzo

A chiudere la classifica troviamo Galaxy S7 e Galaxy S7 edge: la massiccia presenza di collanti rende estremamente difficoltosa l’apertura, ma la modularità di certi componenti permette loro di ottenere 3 come punteggio; un peccato, visto che in passato gli smartphone Samsung erano decisamente più semplici da riparare.

Fonte: iFixit
  • Mario I/O

    Sicuramente LG G5 ha dalla sua la batteria rimovibile che è una vera svolta sia dopo un anno di usura, sia per avere sempre la possibilità di portarsene dietro una carica ed avere il 100% di batteria in 5 secondi.

    • Ugo

      ah, la batteria rimovibile.
      incredibile cosa ci permette oggigiorno la tecnologia del 1990…
      ?

      • Mario I/O

        Eh, triste considerazione purtroppo. Anche perché sembrerebbe che LG G6 non avrà questa possibilità. Io ho sempre tenuto gli smartphone almeno 3-4 anni e senza poter cambiare batteria facilmente è difficile.

      • the

        Per non parlare del jack audio che risale a fine 1800, ed è ancora la tecnologia che esprime il massimo della qualità audio (se escludiamo il territorio dei dac e degli amplificatori bilanciati per lo meno, ma comunque con costi almeno doppi e vantaggi quasi nulli per lunghezze di cavi normali).