AirSelfie è adorabile e potreste volerne uno (foto)

Emanuele Cisotti -

Oggi abbiamo avuto l’opportunità di conoscere una minima parte del team del progetto AirSelfie e di vedere questo piccolo dispositivo in azione. Iniziamo della basi: AirSelfie è una piccola fotocamera volante che vi permette di scattarvi selfie (o generiche foto) totalmente a mano libera e dall’inquadratura che più preferite.

Può anche essere considerato un piccolo drone, l’idea che tiene in volo AirSelfie è la stessa infatti, ma la verità è che questo non vuole affatto essere un drone, perché non vuole che lo si veda come tale. Il maggior punto di differenza è che non è ingombrante. Viene venduto con una cover da collegare allo smartphone con l’idea di portarvelo sempre appresso. E se anche non lo terrete collegato allo smartphone in ogni caso potrete tenerlo in tasca o nella borsa senza preoccuparvi  di lui: sfoderarlo solo nel momento del bisogno, per fare quella foto di gruppo che avete sempre sognato, inquadrando anche il monumento dietro di voi. Utilizzare un drone richiederebbe premeditazione e una grossa borsa per trasportarlo (oltre alla necessità di conoscere le regole dei vari paesi in base al peso del drone).

Si controlla con lo smartphone, utilizzando l’accelerometro o dei comandi a schermo. Vedrete l’anteprima sullo schermo e scattare foto o registrare video sarà questione di un attimo. Il più grosso limite è sicuramente l’autonomia. L’azienda dichiara circa 3-4 minuti di durata, durante il quale potrete scattare tutte le foto che vorrete. La cover permette di aggiungere altre due cariche complete (una ricarica completa richiede 30 minuti), mentre un accessorio venduto separatamente offrirà fino a 60 minuti di ricariche (potrete comunque usare il vostro powerbank se preferite). Non è però pensato per essere un drone appunto, ma solo un “selfie-stick volante”.

anteprima-airselfie-010

Il piccolo gadget può decollare direttamente dalla mano e, visto il suo design, può essere anche di nuovo afferrato con le mani. Sulla parte inferiore di AirSelfie troviamo un sonar (il più piccolo mai realizzato) e una drifting camera che “scansiona” il terreno e in caso di movimenti involontari ne corregge la posizione. Una volta stabilizzato in aria vi verrà dato il tempo di riporre il telefono in tasca prima dello scatto. Il prodotto è stato poi volontariamente limitato in velocità e distanza che può raggiungere (20 metri) per una questione di sicurezza.

AirSelfie al momento ha raccolto oltre 10 volte il prezzo richiesto su Kickstarter, che come ci è stato confermato è stata più che altra una vetrina e un modo per capire il reale interesse verso il prodotto, che però è ormai quasi pronto (verrà spedito a marzo a chi lo finanzierà). Non possiamo esprimerci al momento sul funzionamento del sistema di volo di AirSelfie. Se il prodotto è stato completato come hardware, il team di 60 persone sta ora affinando il lato software per offrire un prodotto finito a chi lo sta “ordinando” su Kickstarter. Quello che possiamo dirvi è che vola e scatta i selfie. Chi vi scrive era inizialmente scettico sulla possibilità di realizzare un prodotto simile funzionante, eppure o dovuto ricredermi. Sulla valutazione tecnica finale, ovviamente rimandiamo però alla recensione del prodotto, che arriverà ovviamente il prossimo anno.

Questione scottante è sicuramente il prezzo: 299€ al lancio. Il prezzo ovviamente taglierà fuori una fetta di utenza semplicemente curiosa (a meno di bloccare la versione da 224€ su Kickstarter), ma è commisurato alla tecnologia utilizzata al suo interno. Difficile prevedere ora il successo o meno di un prodotto simile, ma facile prevedere che (che vi piaccia odiare selfie e/o droni o meno) potreste trovarlo adorabile e volerne uno. Noi vi capiremmo.

Foto