Rivoluzione Microsoft: Windows 10 girerà su processori Qualcomm Snapdragon (video)

Nicola Ligas - Smartphone, tablet e altri dispositivi ARM avranno finalmente la versione completa del sistema operativo, con tutte le app.

Giorno di festa quest’oggi in Italia, ma non per Microsoft, che annuncia un passaggio di quelli che rimarranno nella storia. Dopo il (fallito) tentativo di Windows RT, il colosso di Redmond cambia approccio, ed in partnership con Qualcomm annuncia che Snapdragon 835 sarà il primo SoC ARM a supportare a pieno Windows 10, e le relative app; lo stesso Windows 10 che già conoscerete dal vostro PC. *Drop mic*

Qualcomm Snapdragon processors offer one of the world’s most advanced mobile computing features, including Gigabit LTE connectivity, advanced multimedia support, machine learning and superior hardware security features, all while supporting thin, fan-less designs and long battery life. With full compatibility with the Windows 10 ecosystem, the Qualcomm Snapdragon platform is expected to support mobility to cloud computing and redefine how people will use their compute devices.

Cristiano Amon, executive vice president of Qualcomm Technologies

Qualcomm ovviamente gongola, all’idea di strappare ad Intel un primato decennale, quello del quasi monopolio sull’hardware dei sistemi Windows, e coincidenza vuole che giusto ieri Qualcomm abbia annunciato il rilascio del primo processore per server al mondo a 10nm, segno di un’offensiva a tutto tondo.

È una sorta di addio non annunciato a Windows 10 Mobile e Continuum, progetti entrambi interessanti, ma sui quali la stessa Microsoft aveva chiaramente dubbi da tempo, vista la penuria di novità in merito, e non da ultimo proprio di nuovi dispositivi.

I primi dispositivi di questo tipo arriveranno nella seconda metà del 2017, e supporteranno tutte le funzionalità e le app principali di Windows 10 (vedi video qui sotto), incluso Office, il browser Edge ed anche i giochi (potenza permettendo, ma quella la verificheremo in seguito). Inoltre, tramite emulazione, saranno supportate anche le app universali che quelle per Win32, e sfruttando le doti di connettività tipiche delle soluzioni Qualcomm, daranno vita alla prossima generazione di dispositivi sempre connessi. *Drop mic. Again.*

Via: Venture Beat
  • Questo potrebbe essere un terzo incomodo che può cambiare le carte in tavola. Sempre meglio di Windows RT…

  • GattoMorbido

    “Snapdragon 835 sarà il primo SoC ARM a supportare a pieno Windows 10” scritto così non si spiega perché 820, 810, 6xx, 4xx… non siano adatti.

    non credo sia solo una questione di potenza perché windows funziona sia sui core i7 che sui vecchi atom o pentium…

    ci sarà dell’hardware dedicato? istruzioni particolari?

    • Claudio Antonetti

      Marketing?

      • May I Survive

        per emulare l’x86 direi che non è quello il motivo

    • May I Survive

      hardware MOLTO più potente e ALMENO più livelli di esecuzione (non limitati ai due di ARM)..
      senza contare tutti i set di istruzioni mancanti, senza i quali ci metti 2 minuti ad aprire blocco note

      • GattoMorbido

        sul molto non sono da’accordo.
        sia perché non può esserci un salto abissale dal 820 sia perché il mio zenfone 2 monta un atom che fa girare android come uno snapdragon e windows come… un atom
        e atom non ci mette così tanto ad aprire notepad

        • Karen Nerak

          ma atom é x86

          • GattoMorbido

            vero, ma fa la metà dei punti di uno snap 810 e nel frattempo sono usciti 810, 820,…

          • Karen Nerak

            la roba che non é nativa x86 su esso gira comunque tramite emulazione ARM

          • GattoMorbido

            e con windows 10 su arm funzionerà al contrario: programma x86 emulato.
            per quanto ottimizzato lo snap perderà cicli per la traduzione.
            ma se non è stato un problema per il mio atom non dovrebbe esserlo nemmeno per lo snap con win10.
            beh, di certo non sarà equivalente a un i7 recente, ovviamente…

    • I motivi precisi non li so perché non sono stati resi noti, probabilmente sarà qualcosa di architetturale, oltre che potenza.

      • GattoMorbido

        pensato anche io.
        urgono info, però.
        non vorrei che lo snap sia l’atom del fututo visto che intel ha abbandonato lo sviluppo mobile appunto dopo l’atom z2xxx

  • Claudio Antonetti

    Ok questa potrebbe essere la vera BOMBA per MS nel 2017…. Ora resta “solo” da fare una interfaccia davvero omogenea da essere utilizzato con le dita…

    • carlo

      quella ce l’hanno da un po’, e ci lavorano da anni. l’interfaccia modern ui delle app universali. il problema è farla adottare agli sviluppatori di terze parti.

  • carlo

    che notiziona, i processori arm se raffreddati e sufficientemente alimentati sono in grado di competere senza problemi con gli x86. stanno a sfracassare da almeno 3 anni che apple prima o poi userà per i suoi macbook i suoi soc arm.
    il problema di microsoft è che sono completamente inesistenti sul mercato mobile e la litania al sapor di naftalina del ci girano office e le applicazioni windows non è altro che uno slogan che non ha convinto e che non convince. senza considerare che le app vanno ricompilate mica stiamo parlando di codice java ripacchettizzato come può succedere per i cloni di app android/java.
    i tablet convertibili windows intel sono carini, windows e le poche app per tablet che esistono sono anche piacevoli da usare ma chi è quel cretino che userebbe un tablet con le applicazioni desktop? apple sta facendo il suo corso integrando due mondi senza fonderli, google con android e chrome os ha intrapreso la strada più pericolosa per microsoft. le app android ben progettate in material design scalano perfettamente all’utilizzo su schermi grandi o con tastiera e mouse, la stessa cosa non si può dire delle app windows classiche al contrario.
    la guerra è relativamente aperta, l’emorragia di soldi soldi in progetti falliti o fallimentari se la può permettere solosolo perchè microsoft ancora guadagna dai PC desktop. ma se un tablet android diventa sufficientemente potente da fare tutto quello che fa anche un pc desktop cavolo me ne frega di ms office? unica incognita la capacità di google di convincere gli oem a investire contro microsoft nel regno di microsoft.

    • May I Survive

      credo che l’835 sia il MINIMO dei requisiti però xD

      • carlo

        quello è marketing. windows 10 funziona su processori x86 mediocri, come scrivevo sopra con l’opportuno sistema di raffreddamento ed energia, nel senso di pensare il prodotto attaccato alla rete elettrica e non dipendente da una batteria, i soc arm non hanno nulla da invidiare agli x86.

        • May I Survive

          non è la potenza la questione; o meglio quella è il palliativo ora su smartphone.
          compilare per ARM implica ottimizzare molto di più la RAM (c’è un abisso tra come è gestita su x86 e come su ARM); evitare la maggior parte dei set di istruzioni che su x86 ottimizzano molto l’esecuzione, scordarsi la virtualizzazione (usata anche per le sandbox, su android implementate in software e non in HW), i livelli di esecuzione e i contesti sono ben diversi e tante altre “piccole” cose.

          • carlo

            se fossimo nel 2013 ti darei anche ragione, nel 2016 quasi 17 con la fascia alta degli smartphone che si appresta a superare i 6GB di ram parlare di necessità di ottimizzazione è un po’ come dire ok abbiamo scherzato ora mettiamo i piedi per terra, guardiamo a 2 anni da oggi non a due anni nel passato 😉
            c’è tutto un mondo di gadget, convertibili, desktop simil imac ecc ecc, che potrebbe essere costruito senza problemi su piattaforma arm, senza il problema di quantità di ram disponibile e di necessità di risparmio energetico, almeno per i desktop e la parte laptop dei convertibili, e questo portare le app windows classiche su desktop arm potrebbe forse essere una via di salvezza per microsoft stessa sul mercato mobile.

          • May I Survive

            aspetta, non parlo di gestione di TANTA ram, ma di come viene gestita 🙂
            si, c’è un mondo di gadget che ora è x86 che potrebbe diventare ARM (i pc per casa, chi usa solo internet… sono i primi della fila)….
            il problema è che qui puntano a non ricompilare e ottimizzare la applicazioni (e non si è capito se virtualizzarle o emularle).. ti faccio un esempio pratico: photoshop quando “mischi” dei colori ci sono dei set di istruzioni multimediali che te lo fanno fare con pochissimi calcoli; stessa cosa quando applichi l’antialiasing. se non avesse quei set di istruzioni, la cpu impiegherebbe 10 volte tanto. e ARM non le ha.
            stessa cosa per i livelli di isolamento, arm (mi pare) ne ha solo 2, x86 ne ha 4. questo implica proteggere la memoria etc via software.

            ora, probabilmente, nei nuovi SoC hanno lavorato per mettere un po’ di queste cose anche in ARM e rendere l’esperienza (basicamente) decente…
            poi attenderò l’SDK da qualcomm e solo in quel momento ti saprò dire qualcosa in più

          • carlo

            stai aggiungendo complessità al discorso.
            che sia una strada tutta in salita ok, che ci sia la brutta abitudine a emulare/virtualizzare ok, che sia un tentativo disperato di microsoft ok altrimenti apple avrebbe già fatto il salto visto che non si èmai preoccupata più di tanto dei cambi di piattaforma.
            prendo per buono quello che dici ma vedo anche che le app di fotoritocco su iOS sono notevoli, limitate ma notevoli, tutto probabilmente sta nella volontà di ottimizzare il codice. e certo se mi prendi come esempio photoshop 😀
            comunque chi usa photosop non è nel target di un eventuale convertibile windows arm questo è sicuro, almeno non per i prossimi 5, 10 anni.

  • Nicolò S.

    Non è una sorta di addio a W10 Mobile e Continuum. Anzi, questa partnership garantirà benefici allo stesso Continuum, che non sarà più castrato, ma potrà far girare anche i programmi x86. Il Surface Phone, dopo questa notizia, secondo me uscirà sicuramente, e ovviamente su un ipotetico 6 pollici non puoi far girare W10 Desktop, ma W10 Mobile, o comunque un W10 riadattato per piccoli schermi.
    Questa partnership è un beneficio ovviamente anche per il mondo tablet, mini PC e PC di basso costo. In questi casi, i benefici li potremo vedere fin da subito.

    • Non sarà un addio ora, ma a me sembra chiaro che, se tutto funzionerà a dovere, questo sarà il futuro. Staremo a vedere.

  • Aranel

    Scusate parlo da profano. Quindi questo vuol dire che sul mio prossimo cellulare con snap 835, il Samsung s8 ad esempio, potrò metterci sopra anche Windows?

    • ILCONDOTTIERO

      Si magari fosse cosi , poterci mettere sopra entrambi sarebbe il top . Magari smanettarci e giocarci un pó non mi dispiacerebbe .

  • Peppe Borzì

    Non vorrei dire una cretinata, ma nel video, gira tutto su uno snapdragon 820!