Leap Motion vuole migliorare le interazioni portando le mani nella Realtà Virtuale

Giuseppe Tripodi

Leap Motion è uno dei più interessanti sistemi che sta investendo sulla realtà virtuale ma, come la maggior parte delle tecnologie del campo, soffre di qualche problema legato alla naturalità dei gesti, poiché non è facile ingannare completamente il corpo per farlo sentire immerso in un mondo che non esiste.

A tal proposito, uno dei problemi più comuni, è l’impossibilità di vedere le proprie mani nella realtà virtuale, ma questo potrebbe cambiare a breve con Leap Motion Mobile Platform. Come forse avrete intuito, si tratta di un sistema che utilizza i dispositivi mobili per la realtà virtuale ma, a differenza della maggior parte delle tecnologie simili, permette di visualizzare le proprie mani (vedi immagine in alto). Questo è possibile grazie ad un sensore in grado di tracciare i movimenti dei nostri arti, anche grazie alla visuale di ben 180° x 180°.

LEGGI ANCHE: Apple ha ottenuto il brevetto per un visore VR per smartphone

Attualmente Leap Motion ha realizzato un sistema che permette ai makers di includere il proprio sensore sul visore Samsung Gear VR e, nonostante inizierà a mostrarlo alle fiere di tecnologia dal prossimo mese, passerà più di un anno prima che la piattaforma Leap Motion Mobile sarà pronta per il mercato.

Via: MSPU