Presto arriveranno gli SMS da 12,5€ per pagamento di servizi

Giuseppe Tripodi

In molte città italiane è già possibile pagare biglietti per i mezzi pubblici e altri servizi tramite un biglietto via SMS; attualmente il costo massimo dei messaggi è pari a 5€, ma presto questa soglia verrà portata a 12,5€.

Questo cambiamento nasce dall’esigenza di poter pagare ancora più servizi tramite SMS, come ad esempio l’accesso alle ZTL o i parcheggi: ad incoraggiare questa nuova soglia è stato anche il Garante per le Comunicazioni (AgCom), che lo scorso giugno aveva avviato una consultazione pubblica sul tema.

Il nuovo tetto massimo era stato fortemente richiesto da ATM, la società pubblica che gestisce i trasporti del comune di Milano, intenzionata a far pagare l’accesso alla ZTL via SMS.

LEGGI ANCHE: Google si allea con gli operatori mondiali per rivoluzionare gli SMS

Alla consultazione richiesta dal Garante ha partecipato anche la società giapponese Docomo e, infine, l’AgCom ha dato il via libera al pagamento di 12,5€ (più IVA) via SMS: si tratta di un notevole incremento rispetto ai precedenti 5€, ma estremamente basso rispetto a quanto richiesto dall’Unione Europea, che con la direttiva Ue 2015/2366 (che dovrebbe entrare in vigore anche in Italia nel 2018) pone a ben 50€ il tetto massimo per ogni singolo SMS e 300€ per gli abbonamenti mensili.

Secondo quanto stabilito da AgCom, gli SMS potranno essere utilizzati anche per pagare biglietti di concerti e musei, ma non per l’acquisto di film o altri contenuti on-demand, in quanto questo tipo di servizi non rientra nella provvedimento approvato, relativo solo alla mobilità urbana. Infine, considerando che spesso gli SMS inviati in questo modo costano da 12 ai 20 centesimi (a seconda dell’operatore), è previsto un messaggio di risposta che riassuma il totale delle spese.

Quel che ci si augura è che questo nuovo tetto massimo non venga sfruttata dagli operatori per la vendita di contenuti a pagamento, come era già successo in passato con servizi a sovrapprezzo (spesso non richiesti dagli utenti).

Via: Mondo3Fonte: Repubblica