YouTube Red su iOS costerà di più, per protestare contro le politiche Apple

Giuseppe Tripodi -

Ieri abbiamo finalmente conosciuto YouTube Red, il nuovo abbonamento di Google che ci permette di utilizzare la piattaforma di streaming video senza pubblicità e con diverse funzionalità in più.

Al momento disponibile solo negli USA, permette agli utenti di scaricare video offline, ascoltare canzoni in background e accedere a contenuti esclusivi a 9,99$ al mese. Questo a patto che sottoscriviate l’abbonamento da Android o web, perché registrandosi tramite acquisto in-app su iOS il costo sarà di 12,99$.

LEGGI ANCHE: YouTube Red ufficiale: offline, senza pubblicità, a 9,99$ negli USA

Google ha scelto di rincarare il prezzo per i dispositivi della mela in quanto Apple prende il 30% dei ricavi degli acquisti in-app e, piuttosto che lasciare semplicemente questa porzione di guadagni ad Apple, Google ha preferito addebitare i costi aggiuntivi agli utenti.

Non è ben chiaro come funzionerà per chi si abbona tramite web e decide poi di utilizzare il servizio su iOS, ma probabilmente il prezzo maggiorato sarà solo e soltanto se il pagamento viene effettuato tramite acquisto in-app dal dispositivo, senza costi ulteriori per chi vuole solo utilizzare il servizio sul proprio iPhone.

Via: PhoneArena
  • non è che invece google dai suoi pagamenti in-app pretenda molto meno eh…

    • Lucarex

      Quanto sarebbe?

      • il 30%, quanto apple

        • Lucarex

          Avevo nel frattempo trovato la documentazione ufficiale sul supporto google, grazie comunque.

          L’aumento di prezzo sull’app store è comunque giustificato dal fatto che Apple prende il 30% dei ricavi.

          • su quello non ci sono dubbi, ma addebitare la percentuale in più agli utenti non mi pare onesto, certo loro sono google e possono permetterselo, vorrei vedere tutti gli altri piccoli sviluppatori di app se aumentassero i loro prezzi del 30% come reagirebbero gli utenti (parlo indifferentemente per entrambe le piattaforme eh)

          • Lucarex

            Il fatto è che dato che le due piattaforme hanno la stessa percentuale i piccoli sviluppatori possono impostare prezzi identici sia su Apple che su Android considerando il 30%

          • StriderWhite

            Già, ma Google per i suoi servizi su Android non deve praticamente pagare le commissioni, o meglio, magari le paga e poi le gira a sè stessa, ma questi sono guazzabugli contabili, poco interessanti. Gli sviluppatori terzi invece sanno che sia sul Play Store, sia sull’App Store il 30% se ne va comunque.

  • alex

    io ho Windows phone con tubecast, ho già tutte queste funzioni (e molte altre) gratis. Tenetevi le Google app ufficiali 😛

  • Torre

    Ma a chi la danno a bere?

  • andyrock

    E comunque il 70% di 12.99 è 9.09, no basta fare 9.99 + 30%. Google non sa fare nemmeno i calcoli sopra/sotto cento 😀