Nadella, CEO di Microsoft, parla di Apple e Google

Nadella, CEO di Microsoft, parla di Apple e Google
Giuseppe Tripodi
Giuseppe Tripodi

Durante una conferenza tenuta al Redmond campus, il CEO di Microsoft Satya Nadella ha spiegato il suo punto di vista sui suoi più grandi concorrenti, Apple e Google, e sui rapporti tra le aziende che sono i tre pilastri dell'industria informatica.

Sotto la guida di Nadella, Microsoft si sta concentrando sui servizi e sulle potenzialità del cloud computing, verso un modello di business più aperto ad altri ecosistemi. A tal proposito, secondo il CEO i suoi competitor si focalizzano in ambiti diversi in cui eccellono: in particolare, Apple punta all'hardware e alla vendita dei suoi prodotti, mentre Google vince a mani basse nel campo della ricerca e della pubblicità.

LEGGI ANCHE: Jony Ive parla del design di iPhone 6 e di Steve Jobs (video)

Per me, l'obiettivo di Apple è molto chiaro e infatti penso che Tim Cook abbia fatto un gran lavoro, anche recentemente quando ha affermato che loro vendono dispositivi e che è su questo che si basa Apple.

Google invece si basa sulle persone, sui dati, sull'advertising e sul presentarti la pubblicità in un modo gradevole, e nel loro business hanno fatto un lavoro grandioso.

Dopo aver illustrato quali sono, a suo dire, gli obiettivi di Apple e Google, Nadella ha poi spiegato che la differenza principale con Microsoft sta nel fatto che la sua società si concentra sulla produttività: secondo l'amministratore delegato, da Redmond "forniscono strumenti e piattaforme", indipendentemente che si tratti di un programmatore che vuole sviluppare la sua app o di un impiegato che abbia bisogno di un documento.

Sebbene le spiegazioni fornite siano piuttosto semplicistiche, è innegabile che quanto affermato da Nadella abbia un senso: inoltre, dichiarazioni del genere lasciano bene intendere le nuove politiche di Microsoft, che ha recentemente pubblicato gratuitamente Office anche per iOS e Android e con questi sistemi operativi ha reso compatibile i suoi Microsoft Band e Microsoft Health.

Via: TechCrunch

Commenta