8.5

Fitbit Alta HR, la recensione (foto e video)

Emanuele Cisotti




Recensione Fitbit Alta HR

Fitbit ha scelto per il 2017 di rinnovare il suo bracciale più compatto e probabilmente più bello: Alta. Diventa ora Alta HR: grazie all’ottimizzazione degli spazi l’azienda è riuscita a far entrare nella sua scocca anche un sensore di battito cardiaco.

LEGGI ANCHE: Recensioni Smartband

7.0

Confezione

All’interno della confezione, oltre al bracciale troverete l’alimentatore a “molletta” con connettore USB.

8.5

Costruzione e Vestibilità

Alta HR è sicuramente uno dei bracciali più gradevoli per la vista. Questo è vero perché è stretto e compatto, risultando al polso quasi come se fosse un semplice bracciale. È dotato di un piccolo schermo e adesso, sulla parte inferiore, anche di un sensore di battito cardiaco. Il cinturino in plastica è robusto e ha una trama a righe molto elegante. È disponibile in due taglie: S e L. La taglia più piccola è veramente piccola ed è quindi consigliata probabilmente al pubblico femminile o a chi ha un polso veramente molto piccolo. Questi bracciali sono poi intercambiabili. Il bracciale non è sottilissimo e considerando la sua forma squadrata può rimanere impigliato o dare un po’ fastidio se indossate vestiti molto attillati.

7.0

Hardware

Come per buona parte dei dispositivi di questo tipo, anche Alta HR non ha un hardware particolarmente degno di nota. Abbiamo infatti la connettività Bluetooth ed il nuovo sensore per il calcolo del battito cardiaco, ma nient’altro. Sono ovviamente presenti i vari sensori per il calcolo del movimento, ma non c’è un GPS. Onestamente, ve lo aspettavate? Quello che forse manca di più è un tasto fisico.

7.5

Display

Lo schermo è piccolo e allungato. Si può attivare con un doppio tap nella parte bassa dello stesso (quella sopra la scritta Fitbit) o ruotando il polso. In entrambi i casi il risultato non è sempre impeccabile. Le informazioni che vengono mostrate sono l’ora, i passi fatti durante la giornata, il battito cardiaco attuale, i chilometri percorsi, le calorie bruciate e i minuti di attività. Dovrete dare un colpetto deciso allo schermo per ciclare fra tutte queste opzioni. Attenzione però al vetro. Il nostro si è graffiato con semplicità.

8.5

Software

Non c’è praticamente niente da dire sul software del bracciale stesso, se non che non è possibile avviare manualmente una sessione di attività fisica. Tutte le opzioni e i dati vengono mostrati per intero solo aprendo l’applicazione per Android, iOS o Windows. In questo modo si avvierà la sincronizzazione che dobbiamo dire essere sempre stata rapida e molto precisa. Non abbiamo mai rilevato una disconnessione e anzi l’applicazione mostra il battito cardiaco in tempo reale quando è aperta.

Da qui potrete poi analizzare i passi realizzati, e tutti gli altri dati, scorrendo anche fra quelli dei giorni precedenti o raggruppandoli per settimana o mese. C’è poi il rilevamento automatico del tipo di attività, o potrete impostarne uno voi specificando quando è avvenuto o avviarlo direttamente dall’app ottenendo così anche la traccia GPS dal telefono.  Sempre dalla home troviamo poi i menù specifici per l’attività fisica (con l’obiettivo di fare attività fisica almeno 5 giorni alla settimana) e per il sonno. Questo menù è uno di quelli che più ha beneficiato dall’introduzione del sensore di battito cardiaco. Ogni notte verrà registrato in automatico e avrete una chiara indicazioni delle varie fasi del sonno: profondo, leggero e REM. Vi sarà poi possibile confrontare il vostro risultato con la vostra media e con quelle di persone del vostro sesso e della vostra età.

Scorrendo ancora in basso abbiamo le opzioni per i promemoria di movimento (uno all’ora per fare almeno 250 passi) e i dati sul battito cardiaco, con il grafico della giornata completa (essendo sempre attivo) e la media a riposo giornaliera. Potrete poi integrare il tutto manualmente con dati sul vostro peso, su quanto bevete o cosa mangiate. L’applicazione si è dimostrata funzionale, rapida da consultare e ricca di dati interessanti per chi non pretende informazioni particolarmente specifiche per vari sport. Abbiamo poi apprezzato molto il fatto che l’applicazione ha fatto un bel passo in avanti in termini di usabilità rispetto all’ultima volta che l’avevamo utilizzata.

Supporta ancora una volta le notifiche ma solo per chiamate, calendario e un’app di messaggistica a scelta fra Hangouts, SMS, Facebook Messenger, Skype o WhatsApp.

8.5

Autonomia

La batteria presente all’interno di questo Fitbit è stata una bella sorpresa. Siamo riusciti a realizzare una settimana completa precisa con una singola carica. Considerando la presenza del sensore di battito cardiaco sempre attivo è stato un risultato decisamente buono.

7.0

Prezzo

Fitbit Alta HR viene commercializzato a 149€, un prezzo in linea con il portafoglio di prodotti Fitbit. Un prezzo non è proibitivo, ma un lancio più aggressivo lo avrebbe sicuramente reso ancora più interessante. Su ePRICE lo trovate in varie colorazioni a partire da 139€.

Foto

Giudizio Finale

Fitbit Alta HR

8.5

Fitbit Alta HR

Fitbit Alta HR è sicuramente un prodotto interessante e fra tutte le smartband è una delle più gradevoli esteticamente. Raccoglie un buon numero di informazioni e per chi ama le statistiche sarà sicuramente un ottimo compagno. Non aspettatevi però un fitness tracker professionale, perché non lo è.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Sensore preciso
  • Autonomia di una settimana
  • Elegante e discreto
  • Buona app
Contro
  • Non è certificato per l'impermeabilità
  • Non si può avviare un'attività fisica dal bracciale
  • Le notifiche funzionano per una sola app di messaggistica alla volta
  • Droidosauro

    130 su Amazon

  • Mad Mat

    Non impermeabile. Inutile. Peccato.