Samsung è in anticipo rispetto alla sua tabella di marcia: il processo produttivo di chip a 7nm è pronto

Matteo Bottin

Sapevamo che Samsung era al lavoro su processi produttivi a 7 nm per i SoC per smartphone. Pare però che l’azienda si sia superata: il suo processo manifatturiero ha terminato lo sviluppo con ben 6 mesi d’anticipo sulla tabella di marcia. Questo renderà molto felice Qualcomm, dato che potrà utilizzarlo per produrre il suo prossimo Snapdragon 855 (che sarà appunto a 7 nm).

Questo è un grosso passo in avanti che farà felice molti, dato che spesso l’affinamento del processo produttivo ha un enorme impatto sull’autonomia dei dispositivi. Per darvi un’idea della portata, con lo Snapdragon 835 (primo processore Qualcomm a 10 nm) i test hanno mostrato un miglioramento di una percentuale da doppia cifra per l’autonomia!

LEGGI ANCHE: Recensione di Xperia XZ2 con Snapdragon 845

Il processo utilizzato da Samsung in fonderia è l’esposizione ad ultravioletti estrema (EUV). Originariamente il processo doveva essere pronto per la seconda metà dell’anno, ma pare che siano state superate le attese: Samsung Electronics probabilmente inizierà a produrre lo Snapdragon 855 già verso la parte finale dell’anno, aumentandone i volumi con il 2019.

Ma non è finita qui: per cercare di superare la rivale TSMC (che era già avanti con lo sviluppo del processo a 7 nm), Samsung ha già iniziato a lavorare sullo step successivo (5 nm) con una linea dedicata. Vedremo come si svolgerà lo sviluppo.

Via: Phone Arena
  • Morokei

    Dopo i 5nm si andrà di processori quantici si spera…Ci vorranno anni e anni ma sarebbe un salto di decenni e decenni