Spotify sta testando la ricerca vocale di brani e playlist, con buona pace di Siri

Giuseppe Tripodi -

Alcuni utenti Spotify statunitensi hanno trovato una nuova icona all’interno dell’app: un microfono, ben in vista nella schermata di ricerca. Come è facile intuire, un clic su questo nuovo tasto avvia una ricerca vocale, dalla quale è possibile chiedere a Spotify di riprodurre un brano, un artista, una playlist e quant’altro.

Spotify ha confermato a TheVerge di essere effettivamente al lavoro su funzioni per migliorare l’esperienza utente, ma non ha rivelato alcuna informazione specifica in merito. Secondo quanto riportato, questa feature è apparsa per la prima volta lo scorso anno, in una modalità sperimentale pensata per l’uso di Spotify alla guida.

LEGGI ANCHE: Spotify alza ancora l’asticella: raggiunta quota 70 milioni di abbonati

La ricerca vocale, attualmente, è attiva su un numero limitatissimo di dispositivi iOS, che Spotify sta evidentemente utilizzando come tester: prevedibilmente, per ora funziona solo in inglese. Inoltre, con la voce è possibile solo navigare il catalogo e chiedere la riproduzione di qualcosa e non ottenere informazioni (quindi sappiate che una domanda come Who are the Beatles? farà solo partire una playlist dei Beatles).

Stando a quanto riferito da chi l’ha già provata, la ricerca vocale, seppur acerba, sembra funzionare già abbastanza bene.

Come nota a margine, è probabile che Spotify stia cercando di prendere contromisure contro Apple, che ha cercato in tutti i modi di azzoppare l’app di streaming, impedendo l’integrazione con Siri o l’integrazione con HomePod, lo smart speaker recentemente lanciato.

Via: TheVerge
  • Frankie Bacon

    Ah è stata Apple a non consentire l’integrazione di Siri per spotify?