Smartwatch ibridi alla conquista del mercato: 80 milioni di unità spedite entro il 2022

Vezio Ceniccola Le previsioni degli analisti sono molto più positive rispetto al passato

Tra le varie possibilità offerte per chi vuole acquistare un gadget indossabile ci sono anche gli smartwatch ibridi, dispositivi che uniscono l’eleganza della tradizione alle esigenze degli appassionati di tecnologia moderni. Per questo settore sembrano esserci buone notizie, dato che le quote di mercato previste per i prossimi anni sono in netto aumento, come aveva già notato IDC qualche mese fa.

Secondo Juniper Research, entro il 2022 le spedizioni di smartwatch ibridi dovrebbero salire fino a 80 milioni di unità, con una crescita del 460% rispetto alla stima di 14 milioni del 2017. Un balzo in avanti davvero notevole, che dovrebbe consentire a questi prodotti di accaparrarsi circa il 50% del market share realativo all’intero settore degli orologi intelligenti.

I dispositivi wearable stanno rivoluzionando positivamente le tendenze. Gli orologi ibridi sono così di tendenza grazie al connubio tra il look di un modello analogico e le funzionalità smart. Una soluzione perfetta per coloro che desiderano accedere a determinate funzioni senza rinunciare al design. Rispondiamo alle esigenze dei nostri consumatori poiché, per molti di loro, l’estetica di un orologio rappresenta tuttora un fattore decisivo nella scelta del proprio acquisto. Ed è per questo motivo che il legame tra moda e funzionalità è fondamentale per l’utente.

Antonio Nigro, vicepresidente area Europe North, Ecommerce & CE di Fossil

LEGGI ANCHE: Fossil presenta Q Control

Uno dei leader nel settore smartwatch ibridi è Fossil, che al momento offre già 108 modelli di orologi ibridi appartenenti a 14 marchi del gruppo. L’azienda sta puntando sempre di più l’attenzione su questa particolare categoria di prodotti, individuando nella fusione tra moda e tecnologia, nella felssibilità e nella praticità d’utilizzo le sue caratteristiche fondamentali.

Il futuro degli orologi potrebbe, dunque, essere molto più tecnologico di quanto non abbiamo creduto sinora, ma molto dipenderà anche dall’avanzamento della ricerca in campo wearable e dalla risposta degli utenti.

Fonte: Business Wire