Il nuovo visore XR di Qualcomm migliora la grafica dove si posano gli occhi dell’utente

Vezio Ceniccola - Il prototipo di visore con Snapdragon 845 sarà presentato al prossimo MWC 2018 e integra funzioni davvero innovative

Già durante la presentazione ufficiale del nuovo Snapdragon 845 si era parlato molto di realtà virtuale e aumentata, cosa che aveva fatto subito capire come Qualcomm volesse fare sul serio con queste nuove tecnologie. L’azienda americana sarà presente al prossimo MWC 2018 con alcune delle sue ultime innovazioni, tra le quali ci sarà anche un nuovo reference design per visori XR (Xtended Reality) che mostra cosa ci aspetta nel futuro di questi dispositivi.

Il prototipo di Qualcomm sfrutta la piattaforma Snapdragon Mobile VR, che fa proprio del già citato Snapdragon 845 il cuore dell’hardware interno. Grazie all’unione tra questo potentissimo chip e alla GPU Adreno 630 è possibile migliorare di oltre il 30% la velocità e l’efficienza energetica dei visori VR rispetto a quelli che integrano lo Snap 835, aumentando la risoluzione fino a 2K per ciascuno dei due schermi interni.

L’utilizzo della nuova tecnologia Adreno Foveation permette di sfruttare le due fotocamere interne, puntate sulle pupille dell’utente, per migliorare il rendering grafico solo sulle zone dove vengono puntati gli occhi, in modo da offrire maggiore qualità visiva dove si concentra l’attenzione.

L’introduzione del Roomscale tracking serve, invece, a mappare l’area in cui si muove l’utente, grazie a complessi algoritmi di SLAM (simultaneous localization and mapping) che operano su 6 gradi di libertà. Questa tecnologia è utile per integrare meccanismi di segnalazione anti-collisione, particolarmente importanti nel caso di giochi che prevedono il movimento fisico dell’utente che indossa il visore.

LEGGI ANCHE: Qualcomm annuncia il suo motore per AI

Il chipmaker ha confermato che questo tipo di tecnologie sarà disponibile per tutti i tipi di visori basati sul proprio reference design, sia quelli standalone che quelli nel quale dovrà essere inserito un dispositivo esterno per il funzionamento. La nuova piattaforma VR di Qualcomm vuole, dunque, essere più versatile rispetto alle altre soluzioni viste sinora, cosa che potrebbe consentire una vasta compatibilità e un decisivo interesse degli OEM.

Stando alle aspettative dell’azienda, nel corso del 2018 dovrebbero arrivare circa 20 nuovi visori VR con tecnologia Qualcomm, uno dei quali dovrebbe essere il Vive Focus già annunciato qualche mese fa, che sfrutterà la piattaforma Snapdragon 835. Per maggiori informazioni dovremo attendere l’inizio della fiera di Barcellona, nel quale ci saranno certamente nuove sorprese anche riguardo al mondo VR.

Via: EngadgetFonte: Qualcomm