Qualcomm in pole position per il 5G: nuovo modem X50 e collaborazioni con produttori e operatori

Vezio Ceniccola L'elenco dei partner del chipmaker americano è davvero lungo, ma si nota l'assenza di Samsung, Huawei ed Apple

I lavori e le sperimentazioni sulla rete 5G stanno subendo una notevole accelerata negli ultimi mesi, spinti dalla standardizzazione delle specifiche sul nuovo protocollo di rete e dalla voglia di farsi trovar pronti da parte di tutti i protagonisti del mondo tecnologico. Uno dei più attivi è certamente Qualcomm, il quale ha annunciato oggi di essere già a lavoro con una folta schiera di produttori ed operatori per mettere a punto il nuovo modem dedicato al 5G.

Il modem Qualcomm Snapdragon X50 è il nuovo prodotto hardware realizzato dal chipmaker americano per le prime prove della nuova rete 5G. Tutti i partner utilizzeranno proprio questo chip per testare i loro servizi, sfruttando il relativo smartphone reference design e la piattaforma hardware progettati da Qualcomm.

Tra i tanti operatori coinvolti nelle sperimentazioni, che inizieranno nei prossimi mesi, ci sono anche le italiane TIM e Vodafone, ma la lista include anche AT&T, British Telecom, China Telecom, China Mobile, China Unicom, Deutsche Telekom, KDDI, KT Corporation, LG Uplus, NTT DOCOMO, Orange, Singtel, SK Telecom, Sprint, Telstra e Verizon.

Il 2018 sarà un grande anno per Qualcomm Technologies e per l’intera industria della telefonia mobile dal momento che lavoriamo per mettere in pratica le specifiche 5G NR concordate. Questi trial dimostrano il contributo del nostro lavoro gli operatori globali per stimolare la crescita e l’innovazione nel settore della telefonia mobile, nonchè per rendere il 5G una realtà concreta, supportando i numerosi lanci commerciali attesi per il 2019. Grazie al nostro comprovato successo nel 3G, 4G LTE e la nostra leadership in ambito RF front-end, Qualcomm Technologies è posizionata in maniera ottimale per offrire i prodotti multi-gigabit e multimodali richiesti per il roll-out globale del 5G.

Cristiano Amon, Presidente di Qualcomm Inc.

LEGGI ANCHE: 5G in Italia, come siamo messi?

Corposo anche l’elenco dei produttori di smartphone che stanno collaborando con Qualcomm per ottimizzare i propri prodotti hardware ed integrare il modem Snapdragon X50. Tra questi ci sono Asus, Fujitsu Limited, Fujitsu Connected Technologies Limited, HMD Global (Nokia), HTC, Inseego/Novatel Wireless, LG, NetComm Wireless, NETGEAR, OPPO, Sharp Corporation, Sierra Wireless, Sony Mobile, Telit, Vivo, Wingtech, WNC, Xiaomi e ZTE.

I più attenti avranno notato l’assenza di Samsung, Huawei ed Apple, che per ora non si sono ancora schierate a fianco di Qualcomm nello sviluppo del 5G e non è detto lo facciano in futuro, visti i rapporti tesi nel caso dell’azienda di Cupertino o le diverse piattaforme hardware utilizzate dalle società coreana e cinese.

Qualcomm Technologies è profondamente impegnata ad aiutare i clienti a offrire ai consumatori esperienze mobili 5G di nuova generazione. Ciò richiede una connettività 5G NR a banda larga mobile avanzata abilitata da reti 5G NR, da dispositivi mobili e dal modem 5G Snapdragon X50. Come dimostrato dal nostro lavoro con i principali OEM di tutto il mondo e come abbiamo dimostrato con il 3G e 4G LTE, Qualcomm Technologies sta utilizzando la propria profonda esperienza e la leadership tecnologica per supportare il lancio di successo del 5G NR, guidando l’innovazione nell’ecosistema mobile.

Alex Katouzian, senior VP and GM mobile di Qualcomm Technologies Inc.

I primi smartphone in grado di supportare il modem X50 e, dunque, tutte le funzionalità della tecnologia 5G dovrebbero arrivare sul mercato già a partire dal 2019, ma la strada per arrivare a questi prodotti è ancora molto lunga. Come detto, le sperimentazioni e i test con operatori e produttori serviranno proprio a concretizzare gli sforzi fatti sinora ed ottimizzare tutte le piattaforme, sia hardware che software.