Al via i pagamenti tramite WhatsApp, per ora solo in India (foto)

Nicola Ligas

WhatsApp ha iniziato il rollout della sua funzione di pagamenti, per adesso disponibile solo sul mercato indiano. Come potete vedere dagli screenshot qui sotto, c’è prima da effettuare un piccolo setup, in particolare per verificare la vostra identità tramite il classico SMS.

Grazie a WhatsApp gli utenti indiani possono quindi ora inviare e ricevere denaro tramite UPI, un sistema di pagamenti mobili in tempo reale sviluppato in India. Il numero delle banche supportate sembra infatti davvero molto ampio, proprio perché il servizio si basa su questa piattaforma pre-esistente.

C’è un’ampia sezione sul sito ufficiale di WhatsApp che illustra i termini e le condizioni d’uso del servizio, che è logicamente riservato ai soli maggiorenni, titolari di un conto bancario a loro intestato. Non c’è alcuna traccia al momento di una possibile espansione all’estero, ma considerando che il rollout generale in India, dopo un periodo di beta, dovrebbe essere partito solo da poche ore, è anche presto per dirlo, e pensiamo che nel lungo periodo WhatsApp vorrà allargare il più possibile questa possibilità.

Si tratta comunque di una funzione che richiede accordi precisi e che in India ha sfruttato un servizio pre-esistente. Non occorre ricordarvi quanto tempo c’è voluto per avere in Italia Apple Pay, o che Samsung Pay ed Android Pay non sono ancora disponibili (il primo è però in arrivo), ed è quindi ancor più inutile predicare pazienza.

Via: @WABetaInfo