Wind aumenta il costo della ricarica minima: sparisce il taglio da 2€

Vezio Ceniccola

A partire dal 6 febbraio 2018, Wind ha apportato un piccolo cambiamento per quanto riguarda l’importo minimo per la ricarica delle sue SIM. Da ora, infatti, sparisce la possibilità di effettuare una ricarica di soli 2€, opzione rimossa sia dal sito desktop che dalle app mobili.

L’innalzamento della soglia di ricarica minima rende possibile la scelta solo tra i tagli da 5€, 10€, 15€, 25€, 50€ o 100€. Gli utenti Wind non potranno più utilizzare il precedente taglio da 2€, ma dovranno spendere qualche euro in più per caricare il credito telefonico sulla propria offerta.

LEGGI ANCHE: Migliori Offerte Wind

Anche se non si tratta di una modifica sostanziale, poteva essere comodo avere un’opzione del genere, magari per effettuare una ricarica ad un costo minimo solo per tenere in vita una SIM in scadenza. Questo, comunque, è solo uno dei tanti cambiamenti arrivati negli ultimi mesi, e siamo ancora in attesa di sapere tutti i dettagli relativi al ritorno della fatturazione mensile.

Via: MondoMobileWeb
  • Ingorante

    Logico. Wind agli anziani incul@ almeno 3 euro a ricarica con i soliti stratagemmi. Quindi le ricariche da 2 euro non hanno più senso.

  • DAVIDE VILLANI

    Nooooo wind cosa fai?