WhatsApp ha triplicato i suoi utenti da quando è stata acquisita da Facebook, e Mark gongola

Nicola Ligas

Mark Zuckerberg, il popolarissimo CEO di Facebook, nell’annunciare il bilancio 2017 della sua azienda ha snocciolato anche i numeri di WhatsApp, che sono sempre più da capogiro. Pensate che, quando Facebook la acquisì nel 2014, WhatsApp aveva 450 milioni di utenti attivi al mese; adesso siamo arrivati ad 1,5 miliardi di utenti attivi al mese, che si scambiano circa 60 miliardi di messaggi al giorno.

E giusto per ribadire che le cose non vanno bene solo a WhatsApp ma all’ecosistema Facebook in generale, Zuckerberg ha anche puntualizzato che Instagram e WhatsApp sono le app più usate per condividere Storie (oltre 300 milioni di utenti giornalieri per ciascuna), tanto per tirare anche uno schiaffo a Snapchat (179 milioni di utenti al giorno), dal quale l’idea è stata “presa in prestito”. Secondo i dati di Facebook inoltre, il numero di post come Storie supererà presto quello dei post nei feed, a conferma di come sia ormai un trend consolidato.

LEGGI ANCHE: Tutto quello che volete sapere sui Samsung S9

La scommessa di Facebook su WhatsApp si è insomma rivelata vincente, e se all’epoca l’acquisizione sembrò folle per la cifra spesa (circa 19 miliardi di dollari in tutto), col senno di poi è chiaro che sia stata quella la mossa che ha permesso a Facebook di vincere la partita della messaggistica, accentrando nelle sue mani un tris (WhatsApp, Instagram e Messenger) che sembra ormai impossibile da battere. E con il lancio di WhatsApp Business e del servizio di pagamenti di WhatsApp (in India), probabilmente adesso Facebook riuscirà anche a monetizzare più che mai il suo consolidato primato.

Foto: Getty Images

Via: Tech Crunch
  • Il Galvanico

    Se non ricordo male, prima dell’acquisizione WA era a pagamento, ecco spiegato perchè c’è stato un boom…

    • Karellen

      Si e no, era a pagamento, ma l’utente medio non lo sapeva, non lo capiva o non voleva capirlo/crederci. Per la maggior parte della gente l’app veniva scaricata gratuitamente dal play store, e l’account durava teoricamente un anno, ma ad un paio di mesi dal termine allungavano gratuitamente per altri 6 mesi (poteva succedere più di una volta). Poi una piccolissima parte di chi aveva iphone aveva scaricato l’app pagandola i classici 79 cent su app store, con un account a durata perpetua, mentre molti altri l’hanno scaricata in un periodo in cui veniva messa gratis, avendo comunque un account a durata perpetua gratuita. In sostanza ha sempre avuto la fama dell’app gratuita, addirittura la classica catena che è ancora in giro “whatsapp diventa a pagamento se non invii a tot amici” è stata creata ben prima che anche solo si pensasse di far diventare gratis whatsapp!

  • Ingorante

    Copiato da Telegram