Questa potrebbe essere la fotocamera più sottile del mondo: solo 3,5 mm con supporto a 4 cam da 20 MP (foto)

Vezio Ceniccola

Uno dei problemi estetici più diffussi negli ultimi anni per quanto riguarda gli smartphone è la bombatura del comparto fotocamera, che su alcuni modelli sporge di qualche millimetro dalla scocca posteriore, causando le ire degli appassionati più attenti al design. A porre rimedio a questa situazione ci pensa FacetVision, che ha sviluppato un innovativo modulo fotocamera con uno spessore di soli 3,5 mm, che potrebbe essere integrato senza problemi anche negli smartphone più sottili.

L’azienda tedesca è riuscita in quest’impresa sfruttando un’idea molto diversa da quelle che siamo abituati a vedere allo stato attuale: per poter creare moduli fotografici così sottili, è necessario montare il comparto ottica e sensore in orizzontale, ovvero ruotato di 90° in senso perpendicolare a quello dello scatto.

La tecnologia utilizzata prevede l’uso di un prisma specchio, concettualmente simile a quello posizionato all’interno delle macchine reflex, anche se in questo caso la riflessione è ovviamente diretta sul sensore e non sul mirino. Proprio questo elemento, dotato di micro attuatore, consente di utilizzare il modulo sia sul posteriore che sull’anteriore, semplicemente orientando le ottiche nel verso desiderato, senza muovere i sensori.

Il primo modulo realizzato da FacetVision supporta fino a 4 fotocamere stabilizzate con sensori da 20 MP ciascuna, apertura f/2.0 e dimensione dei pixel pari a 1,12 µm. Si tratterebbe, dunque, di una soluzione di fascia medio-alta, anche se per adesso non sono disponibili sample o altri dettagli tecnici.

Per quanto riguarda l’integrazione all’interno degli smartphone, l’azienda ha mostrato sia un modello con modulo fotocamera posto sulla parte superiore che un’innovativa variante con “fotocamera a scomparsa“, ovvero posizionata in uno slot laterale che si apre solo quando l’utente avvia l’app fotocamera.

LEGGI ANCHE: Elastomer, nuovo materiale autoriparante

Inoltre, è stato realizzato anche un prototipo di fotocamera con spessore di solo 1 mm, composta da tanti piccoli sensori ciascuno dotato di ottica. Ovviamente si tratta solo di un test, visto che la risoluzione massima è di appena 1 MP, ma anche questa rappresenta una soluzione molto interessante.

Vedremo mai queste tecnologie sui prossimi smartphone? Difficile dirlo adesso, ma è certo che soluzioni di questo tipo potrebbero dare un ottimo contributo per svecchiare il design di alcuni produttori e realizzare dispositivi ancora più sottili e belli da vedere.

Via: DDay