Lo sconto per la sostituzione delle batterie potrebbe costare ad Apple il 4% del fatturato annuo

Giuseppe Tripodi Non perché le batterie costino così tanto, ma prché molti utenti non acquisteranno nuovi modelli e rimarranno con iPhone 6

Nelle scorse settimane si è discusso molto in merito alla notizia che Apple rallenta i vecchi dispositivi con batteria usurata, al fine di migliorarne l’autonomia ed evitare gli spegnimenti improvvisi. Questo sistema, svelato anche grazie ad alcuni test eseguiti dal fondatore di Geekbench, ha  fatto così tanto scalpore che la società di Cupertino, dopo aver confermato il downclock dei processori, ha offerto un programma di sostituzione delle batterie a prezzo scontato per tutto il 2018: solo 29$ invece dei canonici 79$ (non sono ancora noti i prezzi italiani).

Stando ad alcune stime di Mark Moskowitz, analista per Barclays, questo porterà ad un importante calo di vendite di nuovi iPhone rispetto al previsto e, di conseguenza, alla perdita di una fetta rilevante di introiti. Secondo le stime di Moskowitz, il 77% degli utenti iPhone (circa 519 milioni) potrebbero richiedere la sostizuione scontata della batteria.

Nel nostro scenario più ottimistico, il 10% di questi 519 milioni di utenti richiederà la sostituzione della batteria a 29$ e, di questi, circa il 30% deciderà di non comprare un nuovo iPhone quest’anno. Questo vuol dire che Apple potrebbe vendere 16 milioni di iPhone in meno quest’anno, che si tradurrebbe in circa il 5% in meno del fatturato rispetto alle precedenti stime per il 2018.

Nonostante si tratti solo di stime, il discorso di base fila: moltissimi possessori di iPhone 6, 6s e 7 che hanno notato un rallentamento delle performance sarebbero passati ad un nuovo modello ma, considerando che la sostituzione della batteria potrebbe far rinascere questi “vecchi” iPhone, in molti potrebbero ripensarci, rimandare l’acquisto e rimanere con il loro smartphone.

Via: MacRumorsFonte: CNBC
  • m Arch Tom’s on Bar N Ass

    DRAFT
    ” sono malata e non posso studiare per il compito in classe ”
    adesso AAPL prende anche per i fondelli … e ” sta mettendo le mani avanti ” nei confronti dell’ azionariato e per giustificare ( porta la giustificazione come a scuola ) incapacita’ nell’ottenere risultati.

    …. dopo aver svuotato i magazzini degli avanzi di batterie non piu’ utilizzabili nei nuovi iPhone e con una strategia di public relations discutibile, propone la giustificazione per una eventuale diminuzione di ricavi sulle vendite e a causa di un prodotto che non ha suscitato il clamore sperato. ( si fasciano la testa prima di rompersela )

    … ma questi della AAPL sembrano sempre di piu’ uguali a quelli del nostro centro-sud ( anche sud dell’irlanda ) piuttosto che ammettere di essere incapaci e incompetenti trovano sempre la ” giustificazione ” per dar la colpa a qualcos’altro.

    DRAFT DRAFT

  • m Arch Tom’s on Bar N Ass

    @disqus_8lh1To6p6x:disqus

    DRAFT ( A B C )
    A – strategia discutibile per PR: per rifilare gli avanzi delle batterie che restano in magazzino, avran pagato quelli dei media ( o forse e’ bastato inviargli qualche marchetta/b..ttona perche’ ormai non se li scopa piu’ nessuno ) e per diffondere notizie false e tendenziose su giornali e sul web, circa il rallentamento di iphones meno recenti. Fosse per me , oltre a frode e truffa , addebiterei a AAPL anche estorsione ( ” se non sostituisci la batteria …. ti rallentiamo l’iPhone ” ). il nostro e’ un ragionamento piu’ coerente e realistico per leggere l’intera vicenda.

    B – per quanto riguarda iPhone X le mie fonti non fanno ben sperare…. un sacco di attivazioni ma poche vendite, ne hanno regalati tanti e per disfarsene e sempre agli addetti ai lavori nel settore dei media e new media di tutto il globo… e che poi li utilizzavano per riciclare denaro sporco.

    C – e’ risaputo che i comunisti siano dei pidocchi… gente che non lavora …. che si illude di lavorare ( vive in wonderland ) e che ruba stipendi o prende l’elemosina in busta paga. all’universita’, quando dovrebbero invece protestare , occupano ” l’aula magna ” ( ribattezzata l’aula dove si magna ) e giocano a carte con i prof. per vincere l’esito degli esami e passarli senza studiare. Chi si fiderebbe mai a trovar loro un lavoro vero ?
    Non vorremo mica metterli a costruire dei ponti sull’autostrada… e che poi crollano con tanto di morti e incidenti?
    nei loro ambienti comunisti e’ gia’ noto che siano asini incompententi…. si illudono tuttavia di riuscire a tener nascosta la voragine della loro ignoranza quando si presentano per fare i venditori o agenti commerciali ( ooops pardon… fanno i sales come dicono quelli che parlano bene ), quelli che san far niente e che la notte pregano di riuscire a far bene la p….mpa al responsabile negli uffici acquisti, per ” portar a casa ” un ordinativo e andar poi a tromb..re quelli dei media, ( quelli che nessuno se li sco..a piu’ ) per far pubblicare le fregnacce che dovrebbero servire per disfarsi degli avanzi.

    secondo me… rileggendo quanto sopra e star a far due conti per il numero di freccette che ho tirato e per i centri che ho segnato… ho il 99,9% di probabilita’ di aver totalizzato il massimo del punteggio.
    come diceva la nonna… ( pardon… come diceva il sur costanzo ) a pensar male non si andra’ in paradiso ma il piu’ delle volta… non si ha torto.