Father.IO: lo sparatutto in realtà aumentata tutto italiano è ufficialmente disponibile! (foto e video)

Lorenzo Delli

Vi parlammo per la prima volta di Father.IO nel “lontano” 2014: si tratta di un videogioco che sfrutta la realtà aumentata e uno speciale dispositivo da agganciare allo smartphone denominato Interceptor per permettere ai giocatori di lanciarsi in emozionanti sfide sulla falsa riga di un first person shooter (FPS, sparatutto in prima persona). A differenza di un videogioco classico però si sfrutteranno le ambientazioni che ci circondano, osservando i nemici e sparando direttamente dallo schermo dello smartphone.

Dopo una campagna crowdfunding che è riuscita a convincere migliaia di utenti (15.000 dispositivi venduti in pre-ordine), l’FPS in realtà aumentata è finalmente disponibile ufficialmente nella nazione in cui è nata l’idea. L’applicazione è disponibile gratuitamente sul Play Store di Google e sull’App Store di Apple, ma per godere appieno delle funzionalità di gioco dovrete acquistare l’Interceptor, il dispositivo di cui vi parlavamo poco fa.

LEGGI ANCHE: Sui Pixel arrivano in esclusiva i nuovi Adesivi AR in realtà aumentata

Proprio l’Interceptor è già disponibile nei negozi della catena GameStop (e anche online) al prezzo consigliato di 39,98€, e di fatto serve a trasformare il vostro smartphone in un’arma per sparare agli avversari in perfetto stile laser tag. Potrete colpire gli altri giocatori ad una distanza massima di 50 metri, e la sua batteria garantisce circa 2 ore di gioco continuo (una settimana in standby). Molti i dispositivi compatibili: è sufficiente Android 4.4 o superiore con Bluetooth 4.0 o, nel caso giochiate con dispositivi iOS, iPhone 5c o superiori. L’aggancio universale è regolabile e compatibile con smartphone fino a 8 centimetri di larghezza.

Tramite il GPS dello smartphone sarà poi possibile individuare le posizioni dei membri del team, i nemici nei dintorni e anche sfruttare particolari abilità, come potete vedere anche nel video dimostrativo diffuso dalla società responsabile. Per il momento si possono organizzare partite fino a 32 giocatori, ma i piani di Proxy42, la società che ha inventato e realizzato Father.IO, prevedono l’introduzione anche di Battle Royale pubbliche fino a 64 persone.

Abbiamo creato un gioco veramente inclusivo che permette a tutti, grandi e bambini di divertirsi immediatamente. Siamo onorati dei feedback che abbiamo ricevuto da ogni angolo del mondo, Father.IO rappresenta una rivoluzione ambito gaming. Questo è solo l’inizio: insieme alla community stiamo studiando nuove modalità di gioco, come le Battle Royale pubbliche, dove 64 persone si potranno incontrare grazie alla nostra applicazione per giocare insieme – per un incredibile avventura di survival shooting cooperativo.

Francesco Ferrazzino, CEO di Proxy42

Non ci rimane quindi che mostrarvi il video di presentazione, alcune immagini illustrative e lasciarvi anche il link agli applicativi gratuiti dedicati ad Android e iOS.

  • Ricordo che anni fa lo pubblicizzarono i The Jackal in giro per il Centro Direzionale di Napoli: ce ne è voluto di tempo!

    • Nel primissimo filmato promozionale c’erano anche loro 🙂

  • Il Galvanico

    Idea molto bella, ma secondo me ci vorrebbe qualcosa di più di quel “interceptor”: sarebbe eccezionale un accessorio simile ad un fucile o ad una pistola, con alloggiamento per lo smartphone in modo da rendere tutto molto più realistico.

    • Giacomo

      si, l’ideale sarebbe una replica di un’arma con l’alloggiamento del telefono che comunque deve rimanere visibile perchè mostra prametri personali e della partita.

      • Il Galvanico

        Esattamente. A questo punto andrebbe benissimo anche un visore per realtà aumentata e la possibilità di usare un accessorio (pistola o fucile) collegato in un qualche modo allo smartphone cosicchè tu possa premere il grilletto invece di tappare lo schermo.

        • Giacomo

          cosi saresti con fatheri.io 3.0…
          la versione 2.0 potrebbe benissimo essere un’arma con un alloggiamento in alto dello smartphone cosi da vedere lo schermo. collegato via bluetooth al telefono. Poi nell’arma alloggi delle batterie per tenere in carica il tutto. con bluetooth, gps e dati attivi, la batteria durerebbe pochissimo!!

          • Il Galvanico

            Beh, per cominciare andrebbe benissimo..;)

  • Ryder_173

    Non ho capito cosa fa sto interceptor. A cosa serve?