Phil Schiller: rispetto al Face ID, tutti gli altri sblocchi col volto “fanno schifo”

Giuseppe Tripodi

Lo sblocco con il riconoscimento del volto esiste da un bel po’ sugli smartphone, ma è innegabile che l’iPhone X abbia segnato una pietra miliare per questa tecnologia: a differenza di quanto già visto sui dispositivi del passato, infatti, il Face ID del top di gamma Apple utilizza una gran quantità di sensori che creano una vera e propria mappa 3D del volto, permettendo un sistema di autenticazione biometrica ancor più sicuro delle impronte digitali (almeno stando a quanto dichiarato).

Ovviamente, Apple ha sempre lodato la sua nuova tecnologia, facendo emergere in più occasioni che il Face ID è qualcosa di molto diverso rispetto a quanto già adottato da alcuni produttori Android. A tal proposito, Phil Schiller non si è perso in giri di parole e, intervistato dal protale olandese Bright.nl, è andato dritto al punto: rispetto al Face ID, i sistemi di riconoscimenti di volto o iride della concorrenza fanno schifo (They all stink).

Il Senior Vice President della divisione marketing della mela ha aggiunto anche qualche dettaglio in più, spiegando che nessuno dei sistemi presenti sul mercato funziona come Face ID: a Cupertino avevano bisogno di una tecnologia che potesse sostituire il Touch ID per lo sblocco del dispositivo e l’autorizzazione dei pagamenti Apple Pay. Per questa ragione il Face ID spicca per sicurezza e ha un’implementazione unica, tramite un gran numero di sensori che lavorano insieme.

LEGGI ANCHE: Huawei P11 avrà il notch stile iPhone X?

Inoltre, durante l’intervista Schiller ha precisato che la mappatura del proprio volto non viene concessa a terzi: Apple non passa queste informazioni a sviluppatori o altre aziende esterne, ma fornisce delle API che permettono ai developer di interfacciarsi con la faccia degli utenti senza aver accesso ai relativi dati.

Nel resto dell’intervista, che vi consigliamo di leggere integralmente dal link in fonte, Schiller parla di realtà aumentata e realtà virtuale, spiegando che queste tecnologie hanno le potenzialità per cambiare radicalmente qualsiasi titologia di software. Secondo Schiller, in futuro avrem a che fare sia con AR che con VR, poiché ognuna delle due ha le sue peculiarità e i suoi punti di forza: per il momento Apple si è concentrata sull’AR per il mobile, sviluppando ARkit, mentre per la realtà virtuale la società ha intenzione di realizzare un’estensione per macOS che permettrerà ai developer di lavorarci su.

Infine, Schiller si è scusato per i ritardi di HomePod, lo speaker smart della mela che era stato annunciato per dicembre per USA, Regno Untio e Australia ma che verrà ritardato ai primi mesi del 2018, e ha ribadito quanto conti per l’azienda il motto Think different, eredità lasciata dallo storico leader Steve Jobs che ancor oggi viene indicato come mantra da seguire per sviluppare prodotti fuori dagli schemi.

Via: GizChinaFonte: Bright
  • Daniele Ottorogo

    Oste, com’è il vino?

    • Matteo Carducci

      Fa schifo! XD

  • Costa

    Che droga usa?

  • Gianni

    Ancora non ho trovato un confronto con Windows hello

  • Mstr.M

    stessa cosa per il FaceID, fa schifo in confronto a qualsiasi altro sistema di sblocco ad impronte digitali

  • Cesare Vitali

    Infatti il FaceID è stato fregato da un bambino… Sicurezza, questa chimera….

  • leonida73

    buahahah… incredibile…
    implementano una funzionalità che DOVREBBE ESSERE SICURA poi dopo 1 settimana dalla commercializzazione viene bucata in ordine:
    – maschera 3D
    – figlio della PROPRIETARIA (caxxo passi l’età ma pure il sesso)

    Poi viene contestata da molti utenti perchè per sbloccare il telefono devi farti riconoscere e poi “STRISCIARE IL DITO” (spero di non venir citato da EPPOL per aver usato il termine)

    Ma per favore…

  • Karellen

    Perchè tutti gli altri fanno schifo? E windows hello che fa la stessa roba? (e che c’è anche su pc oltre che sugli smartphone, mentre su mac ancora niente, a malapena l’impronta sul macbook con touchbar…)

  • Mastro SIM

    Ho l’iPhone X e ho attivato FaceID registrando la mia faccia. Mio figlio di 12 anni lo sblocca con la sua, il 100% delle volte. Funziona anche con me in modo perfetto, ma doveva farlo solo con me! Non mi sento molto sicuro…