25 anni di SMS: ecco le tappe più importanti dei “messaggini” che hanno cambiato il modo di comunicare

Andrea Centorrino -

Il mondo delle telecomunicazioni non può fare a meno di celebrare il 25° anniversario dello SMS (dall’inglese Short Message Service), il primo servizio di messaggistica su rete cellulare della storia. Il 3 dicembre 1992, infatti, l’ingegnere britannico Neil Papworth inviò a Richard Jarvis (su rete Vodafone, da computer a cellulare) il primo messaggio di testo, che recitava un quantomai appropriato “MERRY CHRISTMAS“.

È difficile, in questi contesti, inviare messaggi che passino alla storia per il loro contenuto (si pensi alla prima telefonata fatta da Bell al suo assistente nel 1876: “Venga qui Watson, per favore. Ho bisogno di lei!“), ma la valenza tecnica è innegabile.

La standardizzazione della tecnologia dietro gli SMS è iniziata fra il 1984 ed il 1985, durante la creazione del sistema di telecomunicazione senza fili di seconda generazione, ovvero il GSM. Il funzionamento dello standard è stato fissato nel gennaio del 1991, ad opera di Kevin Holley all’IEE Colloquium:

Il servizio punto-punto a Terminazione Mobile permette la trasmissione di brevi messaggi ad un sistema GSM. Un messaggio contenente massimo 160 caratteri viene generato e trasferito dal Centro Servizi al Gateway SMS, che ha il compito di trovare la cella che serve il sistema GSM di destinazione e di trasferire il messaggio.

Il primo SMS inviato da cellulare a cellulare, invece, risale all’inizio del 1993, per merito di uno stagista Nokia. Sono dovuti passare però ancora alcuni anni (ovvero fra il 1995 ed il 1996) prima che il servizio diventasse fruibile fuori dai laboratori: serviva la migrazione dai TACS (sistemi analogici e privi di scheda SIM, legati ad abbonamenti) ai GSM (sistemi digitali che hanno rivoluzionato il mondo della telefonia con le SIM ricaricabili).

LEGGI ANCHE: Le migliori offerte telefoniche degli operatori

Da quel momento, la crescita è stata continua, grazie anche ad alcuni costumi e tecnologie accessorie che hanno favorito, e di conseguenza incentivato, la scrittura dei cosiddetti “messaggini”. Il limite dei 160 caratteri ha portato alla creazione di un linguaggio compresso, in cui le parole subivano un trattamento “da codice fiscale” (dv 6, qnd c ved?, ecc.). Anche quando i telefoni cellulari hanno introdotto il supporto alla concatenazione dei messaggi, tale linguaggio, per limitare i costi, è rimasto immutato.

Un altro step importante è stato rappresentato dall’introduzione del T9 nel 1999, grazie al Nokia 7110: fino a quel momento, la scrittura consisteva nel premere più volte i 10 tasti numerici fino all’inserimento della lettera voluta; con questo nuovo software, bastava premere una volta i tasti corrispondenti alla lettera desiderata. Comparando le combinazioni dei tasti premuti con un database, l’algoritmo avrebbe restituito la parola voluta (in caso di corrispondenze multiple, avrebbe chiesto all’utente di scegliere).

L’evoluzione dello standard SMS è passata dalla multimedialità, con l’introduzione, nei primi anni del 2000, degli MMS (Multimedia Messaggio Service), con i quali, oltre al testo, era possibile inviare foto, brevi video ed audio. I limiti tecnici dei terminali e l’alto costo per l’invio dei messaggi ne hanno però frenato la diffusione capillare, almeno in Italia: in Europa, il mercato più florido per questo tipo di messaggi è stato la Norvegia, che nel 2008 ha fatto registrare un tasso di penetrazione dell’84%.

Il picco nello scambio di SMS a livello globale si è avuto, probabilmente, sempre nel 2008, anno in cui si è registrato uno scambio di circa 4.100 miliardi di messaggi scambiati. Da quel momento, complice l’avvento degli smartphone, la cifra è andata diminuendo di anno in anno, fino ad arrivare a 6,6 miliardi nel 2016. Le ragioni sono da ricercare nell’esplosione di servizi come WhatsApp, Facebook Messenger, Skype, Viber, WeChat e tanti altri, che permettono l’invio gratuito (al netto del costo della connessione dati) non solo di testo, ma anche di foto, video e note vocali.

LEGGI ANCHE: I regali più desiderati di questo Natale

Oggi sono pochi gli operatori che nelle offerte ricaricabili “tutto incluso” offrono anche gli SMS, ed offerte come la Christmas Card, che 10 anni fa permetteva di fare gli auguri a chiunque, sono state soppiantate da offerte per evitare di consumare le soglie dati. Il servizio SMS è stato dato per spacciato spesso negli ultimi anni, ma il suo legame a doppio filo con la tecnologia GSM gli garantirà ancora qualche anno di vita, almeno fino all’implementazione dei Rich Communications Services. Utilizzate ancora gli SMS? Quando avete mandato il primo/ultimo? Fateci conoscere le vostre esperienze ed i vostri ricordi nei commenti!

Via: DDay.it, Wikipedia
  • Edoardo M.

    Ma scherziamo, li uso regolarmente… Ho 26 anni ma non per questo sono così entusiasta di questa socializzazione imperante 😀 Preferisco di gran lunga un SMS conciso ed efficace a spaginate di conversazioni senza senso su WhatsApp. E poi, un SMS dà quel brivido di nostalgia di 8/9 anni fa, quando ancora ci si emozionava per le novità tecnologiche… Ora, tutto sembra ovvio e dovuto 🙁
    PS: ho erto a mio telefono principale un nuovo Nokia 3310, tra l’altro, “relegando” l’iPhone a tablet con cui faccio solo le cose avanzate o via Internet (pagamenti in negozio, parcheggio, navigazione, mappe, etc). Devo dire che è estremamente rilassante sapere di non rischiare di avere il telefono in panne a metà della giornata! Ed è super comodo da tenere in tasca…

    • Davide

      wow, sei parecchio estremo 😀 new3310 e top gamma apple…
      non era meglio qualcosa nel mezzo? il “magico” snapdragon 625 permette di fare record con la batteria che fino a qualche anno fa non pensavo fosse possibile…se poi il telefono ha anche una batteria capiente, fai tranquillamente tutta la giornata e metà di quella dopo…o tutta, a seconda dei tuoi usi!
      (però, sei anche soggetto allo spam sull’app di messaggistica di turno… 😀 )

    • Ryder_173

      Beh però non si può rinunciare alla comodità della messaggistica istantanea

  • Personalmente ritengo gli SMS ancora fondamentali: basta una rete dati lentissima, anche senza Internet, per riceverli e non “disturbano” quanto una telefonata.

  • Bonnox

    Li uso ancora ogni tanto, sono molto più affidabili e universali. E poi si possono addirittura usare le emoticon! Dovreste completare l’articolo spiegando perché se si concatenano più di 10 messaggi (o un numero simile che non ricordo), questi si tramutano in un MMS. Dall’introduzione delle tariffe tutto compreso mi sono potuto rilassare nella scrittura evitando di scrivere come un BM, ma non poi così tanto!

  • Energia

    Li usa la mia banca per quando uso la carta di credito e la usa la mia società di localizzazione del veicolo per avvisarmi degli allarmi. Essendo economici ed universali, arrivano anche quando sono all’estero. Per il resto, io non li uso più. Curioso che diciate che partirà il servizio RCS e citate un articolo del 2016 dove scrivevate “nel prossimo anno funzioneranno …..”. Siamo quasi nel 2018 e di RCS nemmeno l’ombra. In ogni caso, ditemi un solo successo di Google nel settore social o messenger.