Le Animoji potrebbero funzionare su tutti gli iPhone (video)

Giuseppe Tripodi - Sembra proprio che i sensori di iPhone X non siano fondamentali

Tra le più famose esclusive di iPhone X ci sono le Animoji: le emoji animate di Apple hanno fatto il giro del web (grazie anche ai karaoke!) mentre gli utenti con iPhone 8 e precedenti si rammaricano di non avere i sensori della TrueDepth camera che permetterebbero loro di avere un alieno o un gattino che imita le loro espressioni facciali. Ma, come avrete capito, la domanda del momento è: serve davvero la TrueDepth camera di iPhone X per utilizzare le Animoji? Apparentemente no o, per lo meno, non è fondamentale.

La videorecensione pubblicata due giorni fa dal noto YouTuber Marques Brownlee ha sollevato per prima il dubbio: Brownlee, infatti, precisava come anche coprendo i sensori e lasciando libera esclusivamente la fotocamera frontale, le Animoji funzionassero comunque.

A proposito della questione si è espresso poche ore dopo il team di iMore, che ha cercato di fare un po’ di chiarezza: secondo quanto riferito, iPhone X usa la fotocamera a infrarossi appena avviate le Animoji per mappare il viso e, dopo la prima analisi, questo processo viene ripetuto periodicamente per migliorare l’accuratezza. Questa spiegazione è accurata e veritiera, ed è facile da verificare: durante i nostri test, infatti, abbiamo notato più volte un piccolo bagliore alla destra della fotocamera, segno che il proiettore di punti era in funzione.

LEGGI ANCHE: Recensione iPhone X

D’altra parte, come anche iMore riconosce, le Animoji funzionano abbastanza bene anche solo con la fotocamera frontale: probabilmente le performance non saranno precise come quando il software può utilizzare tutti i sensori, ma nel nostro test (che trovate in fondo) non abbiamo notato grandi cambiamenti. Inoltre, quanto può essere importante l’accuratezza in un video da 10 secondi con un animaletto che imita le espressioni?

Senza nulla voler togliere ad Apple, che si è sempre distinta per l’impeccabilità di funzioni del genere, sembra abbastanza evidente che, volendo, le Animoji potrebbero funzionare anche su iPhone 8 e, probabilmente, anche su modelli precedenti (seppur con prestazioni differenti). La decisione di renderle un’esclusiva per iPhone X, insomma, potrebbe essere stata più che altro una (comprensibile ed azzeccata) scelta di marketing, più che una limitazione tecnica.

Per avere una controprova, abbiamo ripetuto anche noi il test, coprendo tutti i sensori eccetto la fotocamera frontale: in questa condizione, il Face ID ovviamente non funziona, ma le Animoji funzionano comunque (anche con un volto diverso da quello mappato per il Face ID). Precisiamo anche di aver ripetuto l’esperimento coprendo i sensori con un oggetto più spesso e coprente rispetto ai post-it che vedete nel video qui sotto, ma i risultati sono stati analoghi.