Uno smartphone, la videocamera a 360° Rylo e l’omonima app: non serve altro per trasformarvi in veri registi (video)

Edoardo Carlo Ceretti

A prima vista, Rylo non è diversa da tante altre videocamere a 360°. E in effetti quel ruolo è in grado di rivestirlo bene: video a 360° in 4K a 30 fps con stabilizzazione digitale o foto panoramiche in 6K. Tuttavia, limitarsi a ciò sarebbe decisamente riduttivo, perché ad accompagnare Rylo c’è un software davvero originale, che merita tutta la vostra attenzione.

I creatori del progetto infatti, sono partiti prima di tutto proprio dal software, che si basa sull’idea di creare un potente strumento di video editing da utilizzare esclusivamente su uno smartphone, senza doversi rivolgere al più solitamente consono PC. Addirittura, inizialmente l’idea era di sviluppare soltanto la suite software che tuttavia, dal momento che richiedeva particolari accorgimenti hardware, li ha spinti a creare anche la videocamera Rylo.

LEGGI ANCHE: Xiaomi Mijia Mi Sphere 360, la recensione

Ciò che rende peculiare il software sviluppato dai ragazzi di Rylo è l’idea di utilizzare il flusso video a 360° come ampio ventaglio di scelte di inquadrature da inserire, in post produzione, in un video più tradizionale. In questo modo, potrete simulare di avere a disposizione un completo set di videocamere che riprendono una stessa scena, per poi permettervi di scegliere, in seguito e in modo ponderato, quali angolature e inquadrature riteniate più adatte. Proprio come veri registi!

Il tutto, come già accennato, è possibile direttamente dal vostro smartphone, sfruttandone le potenzialità touchscreen per farvi spostare velocemente all’interno del video che avete girato, al fine di trovare il punto di vista più suggestivo per ogni momento registrato.

Questo approccio senz’altro particolare alla fotografia a 360° (anche Insta360 ONE fa qualcosa di simile) ha però un prezzo, che potrebbe risultare non propriamente accessibile a chi non fosse appassionato di quest’ambito o non cercasse un innovativo strumento per il proprio lavoro. Si parla infatti di 499$, con iniziale compatibilità soltanto con iPhone. Per la versione Android sarà necessario attendere fino ai primi mesi del 2018.

Via: Liliputing
  • Gabriele

    davvero tanta roba!!!
    Bisogna capire 1- se la qualità sarà davvero quella (mi sembra troppo fluido), 2- Se funzionerà davvero così.
    L’idea comunque è estremamente bella

  • Alessio Vasselli

    Io sto cercando di reperirla, ma l’unico canale che spedisce in Italia è amazon.com che chiede 155 $ tra tasse e spedizione……mi sembra un po tantino!