MediaTek Helio P40 con processo costruttivo a 12 nm e prezzo competitivo: basterà per convincere i produttori? (foto)

Edoardo Carlo Ceretti

Un paio di anni fa, sembrava che MediaTek fosse sul punto di compiere il definitivo salto di qualità, che le avrebbe permesso di competere quasi ad armi pari con il dominatore del settore mobile, ovvero Qualcomm. Tuttavia, alcune scelte poco convincenti nella fascia alta del mercato, ma soprattutto in quelle media e bassa – il campo di battaglia prediletto dall’azienda taiwanese – le hanno in realtà fatto perdere terreno sia nelle gerarchie dei grandi produttori, sia nella percezione del brand da parte degli utenti.

MediaTek è però intenzionata a rilanciarsi e, per farlo, potrebbe passare nuovamente dalla fascia media. Infatti, le ultime indiscrezioni confermano che l’azienda sarebbe al lavoro su un nuovo SoC, chiamato Helio P40, in grado di competere con l’apprezzatissimo Snapdragon 660 di Qualcomm. Probabilmente non in termini di forza bruta, ma soprattutto nel rapporto fra convenienza, affidabilità e prestazioni.

LEGGI ANCHE: Le attuali proposte di MediaTek per la fascia media: Helio P23 e P30

Infatti, il presunto Helio P40 non soltanto sarebbe costruito tramite il processo costruttivo a 12 nm di TSMC – che garantirebbe una maggiore efficienza nei consumi – ma avrebbe anche un costo di circa 11/12$, contro i 15$ della soluzione di Qualcomm. Ciò potrebbe spingere molto produttori ad adottare la proposta di MediaTek e sembra che aziende del calibro di Oppo, Meizu e Xiaomi si siano già messi in fila per esserne riforniti.

Un successo commerciale potrebbe risollevare le sorti dell’azienda taiwanese e aprirle nuovi scenari per il futuro, rilanciando la sfida al vertice a Qualcomm. Nel frattempo però, la stessa fonte menziona nuovamente anche una possibile new entry proprio per il produttore americano, ossia lo Snapdragon 670, con processo costruttivo a 10 nm. La sfida per la fascia media è quindi più accesa che mai, con la speranza che l’asticella della qualità di innalzi di conseguenza.

Via: Gizmochina.com