Apple aggiorna le linee guida per l’App Store: stop alle app antivirus e divieto del Face ID per gli under 13

Edoardo Carlo Ceretti

A seguito della presentazione dei nuovi iPhone X e iPhone 8 e dell’imminente rilascio del nuovo iOS 11, Apple ha aggiornato le linee guida che gli sviluppatori dovranno rispettare per continuare a pubblicare le proprie app sull’App Store.

La regola 2.3.1 ad esempio – che riguarda il divieto di inserire funzioni nascoste o non ben identificate all’interno delle app – è stata aggiornata con l’invito agli sviluppatori di non inserire nelle app funzioni che rimandino a scansioni antivirus o affini, che ingannerebbero gli utenti e minerebbero la sensazione di sicurezza che iOS ha sempre infuso negli utenti grazie al suo sistema a prova di virus.

LEGGI ANCHE: Editoriale: di iPhone X e le altre novità di Apple

Tutta nuova è invece la regola 2.5.3, che riguarda il neonato Face ID. La norma infatti vieta agli utenti sotto i 13 anni di utilizzare il Face ID, motivo per cui gli sviluppatori di app di terze parti che sfrutteranno la nuova tecnologia iPhone X dovranno sincerarsi di inserire una valida alternativa per gli utenti coinvolti dalla restrizione imposta.

Infine, una curiosità anche su ARKit, il kit di sviluppo di Apple per la realtà aumentata. Infatti, gli sviluppatori che si fregeranno dell’attrattivo vessillo della realtà aumentata, non dovranno sfruttarlo come specchietto per le allodole, tramite implementazioni troppo semplici ed elementari. Dovranno bensì assicurare agli utenti un’esperienza più ricca e profonda possibile, che giustifichi l’etichetta affibbiata all’app.

Via: Mac Rumors