Apple Watch, stringhe nel codice confermerebbero il supporto LTE: ecco come funzionerà (foto e video)

Andrea Centorrino

Ogni tanto le indiscrezioni non arrivano dai soliti informatori, ma dalle società stesse: è questo il caso del codice dell’ultimo firmware dell’Apple Watch e della companion app per iOS 11, che svelerebbe design e funzioni del prossimo smartwatch della mela morsicata.

Esplorando il firmware della Golden Master di watchOS 4, i colleghi di 9to5Mac hanno scoperto come dovrebbe funzionare il supporto LTE del prossimo Apple Watch: già da mesi circolano voci riguardo all’integrazione di una eSIM, ovvero una SIM virtuale integrata nel dispositivo che non dovrà essere sostituita fisicamente ma che potrà passare da un operatore all’altro via software.

Grazie all’eSIM, ed a particolari accordi con gli operatori, Apple Watch potrà ricevere chiamate dal numero principale associato all’iPhone, e condividerne il piano dati. Per usufruire di questa opzione, sembra che gli accordi con gli operatori prevedano periodi iniziali scontati (o del tutto gratuiti) e opzioni per affiancare il dispositivo al piano principale, evitando dunque di dover pagare per un’offerta/abbonamento completo.

L’estetica del nuovo Apple Watch sarà identica a quella dei precedenti, garantendo così la compatibilità degli accessori, ma si differenzierà per il colore rosso della corona digitale, che a sua volta potrebbe funzionare da antenna. A tal proposito, un Apple Watch con la corona rossa era stato visto al polso di Tim Cook nel 2015, quindi è possibile che il dispositivo fosse in fase di testing già allora.

Sempre nel codice, fanno la loro comparsa due nuove colorazioni: Grigio (per la versione in ceramica) e “Blush Gold” (per quella in alluminio, che si potrebbe tradurre con “oro fard”).

LEGGI ANCHE: L’arma segreta di Fitbit contro Apple Watch? I LED rossi

A seguire, un video in cui viene mostrato il nuovo Apple Watch LTE attraverso la companion app per iOS 11, ed un immagine con le stringhe che fanno riferiremo al supporto cellulare.

Fonte: 9to5Mac, 9to5Mac, 9to5Mac