Nel mondo ci sono più SIM attive che abitanti: siamo iperconnessi, sempre più in LTE, sempre meno in GSM

Edoardo Carlo Ceretti Questo e molto altro è quanto emerge dall'ultimo report di Ericsson Mobility.

Ericsson Mobility – colosso svedese delle comunicazioni mobili – diffonde periodicamente i dati sullo stato del settore mobile, permettendoci di capire come la rivoluzione degli smartphone abbia modificato le abitudini delle persone di tutto il mondo. L’ultimo report ci informa come ormai le SIM attive a livello mondiale (7,7 miliardi, +6% in un anno) abbiano stabilmente superato il numero di abitanti, mentre gli utenti unici siano ben 5,3 miliardi.

L’incremento è ancora una volta trainato dai paesi orientali, con Cina (19 milioni di nuovi utenti) e India (17 milioni) sugli scudi. Come anticipato, tutto ciò è stato reso possibile dalla diffusione degli smartphone che, nel secondo trimestre 2017, hanno superato le 370 milioni di unità vendute (nel mondo, su 10 cellulari venduti, 8 sono smartphone) e che stanno facendo impennare le connessioni ad internet da mobile.

LEGGI ANCHE: Risultati del bando per la sperimentazione del 5G in Italia

Infatti, il traffico dati generato dagli smartphone è aumentato addirittura del 67% rispetto allo stesso periodo del 2016, con gran parte del merito che va alla sempre più solida affermazione della connettività LTE, i cui utenti nel mondo sono ormai 2,4 miliardi (260 milioni in più in un anno). All’impennata dell’LTE fanno da contraltare una crescita più esigua dell’ormai standard 3G (+30 milioni) e il fisiologico calo del GSM/EDGE (-170 milioni), destinato via via a sparire nei prossimi anni, con l’arrivo del 5G.

Via: CorriereComunicazioni
  • MrNondisponibile

    Sempre più connessi!!!
    Sempre più isolati… Sempre più soli..