Abbonamenti di massimo 24 mesi e altro: cosa cambia con il nuovo Ddl Concorrenza (Aggiornato: in vigore)

Giuseppe Tripodi -

Dopo un lungo iter legislativo, iniziato ad aprile 2015, nella giornata di ieri, 2 agosto 2017, il Senato ha approvato alla quarta lettura il cosiddetto ddl Concorrenza, con 146 Sì e 113 No.

La legge riguarda un grande numero di tematiche, che vanno dalle assicurazioni per le auto alle regolamentazioni per le farmacie; tuttavia, noi ci occuperemo esclusivamente dei cambiamenti nel campo delle telecomunicazioni, spiegando le principali novità in materia (trovate il testo completo del ddl sul sito del Senato).

In primo luogo, parliamo di abbonamenti: con la nuova normativa, il consumatore dovrà sapere sin da subito tutti gli eventuali costi per il trasferimento o la cessazione del servizio; inoltre, queste operazioni dovranno essere eseguibili anche telematicamente (e non solo tramite carta stampata). Sempre rimanendo in ambito abbonamenti, viene imposto il limite massimo di 24 mesi per quanto riguarda i vincoli temporali.

Novità anche sul fronte dei pagamenti digitali tramite credito telefonico, che potranno essere usati per acquistare biglietti di musei e altre iniziative culturali.

LEGGI ANCHE: L’UE vuole dispositivi più riparabili, a partire dalle batterie removibili

Infine, il testo prevede importanti cambiamenti nell’ambito del telemarketing: nonostante la possibilità di iscrivere il proprio numero di cellulare al registro delle opposizioni, a causa di un comma controverso che aveva già destato le perplessità del Garante per la protezione dei dati personali, l’unico modo per rifiutare il telemarketing sarà rifiutare esplicitamente l’offerta ma solo dopo aver risposto (limitando qualsiasi misura di consenso preventivo).

Inoltre, vale la pena segnalare che nel testo definitivo è stato rimosso un comma che prevedeva l’obbligo per i call center di identificare subito l’azienda per cui lavorano e dichiarare la natura commerciale della telefonata (quindi un nulla di fatto in tal senso).

Infine, per quel che riguarda le chiamate a pagamento, con la nuova legge la tariffazione potrà scattare solo dopo la risposta dell’operatore (e non includerà più i tempi d’attesa).

Nessuna novità, invece, per Uber e trasporto non di linea: le normative rimangono invariate e il Governo rimanda la decisione ad un prossimo ddl.

Aggiornamento29-08-2017 ore 17.30

La legge 124 del 4 agosto 2017, nota come DDL concorrenza, è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale in data 14 agosto 2017 e, come previsto, ha efficacia a partire da oggi, 29 agosto.

Via: DDayFonte: Senato
  • Ma22

    Nel DL concorrenza avrei messo una legge che vieti per 36 mesi aumenti del proprio piano tariffario e altri 24 mesi dove puoi aumentare e rimodulare il piano ma il costo del passaggio a un nuovo operatore resta a carico del vecchio operatore (es i 30 euro di passaggio richiesti da 3 li paga il vecchio gestore)

  • Pol Pastrello

    Per i call-center è stato rimosso il comma? RIDICOLI! Nessuno si è mai qualificato dicendo l’azienda per cui “lavorano” (se si può chiamare lavoro cercare di truffare i clienti), neppure se glielo chiedevi chiaramente. Invece che difenderci lo stato ci lascia alla mercé di truffatori senza scrupoli, stalker professionisti. Forniteci i numeri dei parlamentari così dirottiamo queste chiamate alle loro utenze!

  • Igor Mishin ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ

    È giunta l’ora di togliere il telefono fisso.

  • Enzo

    sarà pure in vigore ma han tutti gli abbonamenti a 30 mesi… boh

  • Elektrosphere

    Ma quindi tre, Vodafone e fli altei gestori, da oggi non possono fare più contratti a 30 mesi?

  • Pol Pastrello

    Prima la legge Bersani che toglieva le penali che hanno rinominato “spese di cessazione”. I contratti con vincolo di 1 anno diventarono magicamente con vincolo di 2.
    Ora addirittura il modem di TIM viene fatto pagare con 48 rate.
    Per i contratti fibra non possono venderli prima che abbiano pubblicato la copertura fibra su wholesale. Peccato che facciano lock-in dei clienti vendendo “TIM Smart Casa” aggirando così le regole.
    Le fatture le mandano ancora a 28gg anche si sono già espressi che devono essere di 30gg.
    Quindi questo DDL sarà aggirato come tutto il resto che è successo finora.

  • Giusy Chiaramonte

    questo cambio dei 24 mesi è solo per i nuovi contratti o cambia anche per i contratti esistenti?