Misfit Vapor, il primo smartwatch touchscreen dell’azienda avrà Android Wear 2.0 (aggiornato)

Giuseppe Tripodi

In passato abbiamo già parlato di Misfit, azienda che produce dispositivi indossabili acquisita da Fossil nel novembre 2015: la società ha sempre puntato ad activity tracker esteticamente gradevoli e con una lunga autonomia, ma questa volta ha deciso di scommettere su qualcosa di diverso.

Dopo l’orologio analogico (ma smart) Phase Hybrid, Misfit ha presentato Vapor, il primo smartwatch touch della società. Misfit Vapor presenta un display AMOLED circolare da 1,39″ a 326 ppi, circondato da una ghiera che permette di rispondere alle notifiche e scorrere tra watchface, app e così via.

LEGGI ANCHE: Recensione Misfit Ray

Sotto lo schermo c’è un SoC Snapdragon Wear 2100, 4 GB di memoria (dove potrete caricare la musica da ascoltare tramite cuffie Bluetooth) e modulo WiFi. Non mancano accelerometro, altimetro, giroscopio, GPS, microfono e sensore di battito cardiaco, che assicurano tutte le possibili funzioni da fitness tracker.

Misfit Vapor è poi impermeabile fino a 50 metri e traccia automaticamente attività fisica, sonno e battito cardiaco. La batteria è di “soli” 2 giorni, in linea con tutti gli altri smartwatch sul mercato.

Questo dispositivo sarà disponibile in due colorazioni (Jet Black e Rose Gold)  in vendita prossimamente sul sito misfit.com al prezzo di 199$.

Aggiornamento23/03/2017 ore 12:20

Misfit Vapor sarà basato su Android Wear 2.0. L’azienda ha quest’oggi confermato che il suo primo vero smartwatch userà il sistema operativo di Google, confermando anche il prezzo (a partire da 199$) e la disponibilità verso fine estate. Misfit personalizzerà le watch face ed alcune applicazioni presenti sullo smartwatch, ed anche la sua particolare ghiera sensibile al tocco sarà supportata da Android Wear 2.0. Il tutto con la promessa di due giorni di autonomia e di cura nel design e nella personalizzazione. Staremo a vedere…

Aggiornamento16/08/2017 ore 15:20

Come riportato da Android Police, l’azienda avrebbe confermato su Instagram che il dispositivo non sarà dotato di GPS, al contrario di quanto detto inizialmente, ma solo di Connected GPS, ovvero potrà tracciare lo spostamento utilizzando il GPS di uno smartphone costantemente connesso.

Via: AndroidPolice, The Verge
  • Gio_90

    Non ha android wear giusto ?

  • smartwatch_ita

    OS proprietario?

  • Massimo Disarò

    Mi piacerebbe avere uno smartwatch tipo questo, ma fino a quando non troveranno una tecnologia per far durare molto di più la batteria ( almeno un mese ), mi dovrò accontentare della mia Mi band.

    • Kinto

      Ma neanche i garmin durano così tanto!!!

      Il mio Vivoactive HR, che ha display ALWAYS ON, dura tranquillamente 1 settimana con qualche uso di GPS e notifiche sempre accese! Ma rispetto agli AW ha notifiche più basiche e il tipo di bluetooth incorporato, NON è con stack audio (leggi: neanche se avesse gb di spazio per le musica, potrebbe riprodurla tramite le cuffie). Questo però va ad avvantaggio all’autonomia.
      Il telefono che cerchi NON esisterà per TANTI ANNI!
      Non si può avere tutta quella tecnologia con quella durata nel corpo di un orologio…servono proprio altri tipi di batteria non esistenti nel mercato consumer (ora al limite sono solo in fase di test).

      Ora come ora SOLO gli ibridi permettono autonomia di 1 mese e più, ma non sono proprio la stessa cosa (niente display, niente gps, niente di niente se non vibrazioni alla ricezione di notifiche)…

      • Axel Dalla Paola

        X ora l’unica alternativa decente è Amazfit pace

  • berserksgangr

    insommma smartwatch 2017 = Fossil

  • comincia ad essere molto interessante..

  • Filippo Corti

    No LTE no nfc no Digital crown…

    • Kiko Kiko

      ma tu l’NFC l’hai mai usato? sul discorso LTE (basterebbe 3G..) ci sta che può essere una comodità in piu per non portarsi dietro il telefono, anche se la trovo una forzatura ed una cosa anche scomoda avere una sim dedicata all’orologio…. cmq tra i piu belli e completi ED ECONOMICI

      • Simone Biagini

        l’NFC da noi lo usiamo poco perchè siamo il pese delle banane, dove per esempio le banche non aderiscono ad adroidpay perchè preferiscono farsi i loro wallet in perfetto stile protezionistico. Altrimenti lo useresti eccome.
        Visto che per i pagamenti non si può usare, io lo uso per impostare i profili predefiniti a lavoro, a casa etc.
        gli usi sono molteplici.

    • boosook

      LTE non ho ancora capito a cosa possa servire in uno smartwatch…

      • Michele

        Serve ad essere reperibili nel momento in cui ci si allontana senza smartphone a seguito…io ce l ho e ti posso assicurare che è più che comodo

        • boosook

          Si’ ok, ma devi avere una seconda sim e un altro numero, quindi non sei veramente reperibile… e chi e’ oggi che lascia lo smartphone a casa? Al limite quella mezz’ora quando vai a correre… alla fine credo che sia piu’ comodo portarsi lo smartphone dietro…

          • sai esistono anche le sim bis… sim che condividono lo stesso numero e pertanto la stessa tariffa…

  • Lonza

    finalmente un orologio AW con ghiera. Ci faccio un pensierino
    Ma ci voleva così tanto a capire?

  • Okazuma

    Senza GPS mi è calato totalmente l’interesse