Backup iPhone: la guida definitiva

Cosimo Alfredo Pina -

Ormai buona parte della nostra vita digitale la portiamo in tasca, nel nostro smartphone. Tra i file che teniamo sul proprio terminale ce ne sono anche di molto importanti e personali. Per questo, se ci leggi da smartphone Apple, effettuare il backup del tuo iPhone è una procedura più che consigliabile e non solo in caso di imminente reset.

Infatti salvare periodicamente il contenuto del proprio iPhone è una procedura che dovreste fare, visto che tutto sommato è anche molto semplice. Il backup del terminale permette eventualmente di ripristinare il telefono e tutti i file importanti, sia in caso di reset sia in caso qualcosa vada storto e siate costretti a cambiare iPhone.

Se siete intenzionati a scoprire tutto quello che c’è da sapere sul backup dell’iPhone (ed iPad) siete nel posto giusto e non vi resta che continuare a leggere.

Backup iPhone cos’è, cosa salva e dove si trova

Come accennato nell’introduzione il backup dell’iPhone è una procedura che permette di salvare tutti i file importanti in questo contenuti: rubrica, musica, foto, applicazioni, calendario, email e molto altro. In verità quello che viene salvato nel backup dipende dal metodo che userete per farlo tra i due disponibili: iTunes o iCloud.

Di seguito quello che viene salvato con i backup effettuati su PC o Mac, tramite iTunes:

  • Contenuti dell’iTunes Store e dell’App Store oppure i PDF scaricati direttamente in iBooks (puoi eseguire il backup di questi contenuti usando l’opzione Trasferisci acquisti in iTunes).
  • Contenuti sincronizzati da iTunes, come MP3 o CD importati, video, libri e foto
  • Foto già archiviate nel cloud, come Il mio streaming foto e Libreria foto di iCloud
    Impostazioni di Touch ID
  • Informazioni e impostazioni di Apple Pay
  • Dati del portachiavi e delle app Attività e Salute (per eseguire il backup di questi contenuti, dovrai usare il backup codificato in iTunes)

Questo è invece cosa si salva su iCloud:

  • Dati già archiviati in iCloud, come Contatti, Calendari, Note, Il mio streaming foto e Libreria foto di iCloud
  • Dati archiviati in altri servizi cloud, come Gmail e la posta di Exchange
    Informazioni e impostazioni di Apple Pay
  • Impostazioni di Touch ID
  • Contenuti della libreria musicale di iCloud e dell’App Store (se sono ancora disponibili nell’iTunes Store, nell’App Store o nell’iBooks Store, puoi toccarli per scaricare di nuovo i contenuti precedentemente acquistati)

Il backup su iTunes è quindi quello più completo; il consiglio è quindi quello di tenere attivo il backup su iCloud, che verrà effettuato automaticamente quando il telefono si connettere ad una rete Wi-Fi, e di tanto in tanto (meglio una volta alla settimana) effettuarne uno anche con iTunes.

A proposito di iTunes, se vi foste chiesti dove sono salvati i backup vi riportiamo a fine paragrafo le cartelle predefinite dove questi vengono conservati. Attenzione però, non eliminate direttamente i file dentro alle cartelle qui sotto, ma effettuate la procedura direttamente su iTunes.

Nessun problema invece se volete copiare i backup per averne un’ulteriore copia da salvare, ad esempio, su un disco esterno.

  • Su PC Windows: \Utenti\(nome utente)\AppData\Roaming\Apple Computer\MobileSync\Backup\
  • Su Mac: ~/Libreria/Application Support/MobileSync/Backup/

Backup iPhone iCloud

Partiamo con la forma di backup più semplice da attivare e gestire, visto che una volta accesa funzionerà autonomamente. Il tutto è integrato in iOS e i passaggi per attivarlo sono molto facili da seguire, ricordate però che la quantità di dati salvati su iCloud è legata a quanto spazio libero avete sul cloud Apple.

I primi 5 GB sono gratuiti, poi per avere più spazio si deve pagare un abbonamento mensile da 0,99€ per 50 GB, 2,99€ per 200 GB, 9,99€ per 2 TB. Bene, adesso andiamo a vedere come salvare parte dei dati del nostro iPhone su iCloud:

  1. Connettetevi ad una rete Wi-Fi
  2. Aprite le impostazioni e poi premete sul vostro nome utente (su iOS 10.2 e precedenti cercate la voce iCloud)
  3. A questo punto premete su Backup iCloud (su iOS 10.2 la voce è Backup)
  4. Assicuratevi che la funzionalità sia attiva
  5. Se desiderate effettuare una backup manuale premete su Esegui backup adesso e assicuratevi di tenere accessa la rete Wi-Fi fino alla fine della procedura

Come detto una volta attivata la funzione l’iPhone effettuerà automaticamente, con cadenza giornaliera, il backup. Ci sono però tre requisiti per ciò accada: Wi-Fi acceso e collegato ad internet, alimentazione collegata e sufficiente spazio su iCloud.

Backup iPhone su PC e Mac

Se alla praticità del cloud preferite avere il vostro backup a portata di PC o Mac, sappiate che anche effettuare salvataggi del proprio dispositivo Apple con iTunes è molto facile. Per fare ciò vi serve un computer con installato e configurato iTunes. Se così non fosse potete visitare la pagina di download ufficiale e tornare qua dopo che avete completato l’installazione.

Ora che il vostro computer è pronto e siete pronti per fare il backup dell’iPhone non vi resta che seguire questi passi:

  1. Aprite iTunes e collegate l’iPhone al PC o Mac, tramite il cavo originale
  2. Se ti viene richiesto il codice di sblocco del dispositivo segui le istruzioni a schermo
  3. Seleziona il dispositivo di cui vuoi effettuare il backup, utilizzando l’icona sotto la barra del volume di iTunes (a forma di telefono)
  4. Sul menu a sinistra selezione Riepilogo e poi nella lista a destra, sotto Backup metti la spunta su Codifica backup iPhone, in modo che vengano salvati anche i dati di Salute e Attività
  5. Imposta una password (attenzione, non potrai recuperarla) e premi su Effettua backup adesso
  6. Completata la procedura verificate che il backup sia stato salvato correttamente andando
    • Su PC Windows: Modifica -> Preferenze -> Dispositivi
    • Su Mac: Preferenze -> Dispositivi
  7. Verifica che il nome del backup e l’ora corrispondano

Questa procedura non può ovviamente essere automatizzata; una buona idea è quella di mettersi un promemoria settimanale che ci ricordi di effettuarla manualmente. In questo modo avrete sempre un backup recente che potrete utilizzare in caso vogliate resettare il vostro iPhone o che abbiate cambiato terminale, con la procedura che vi riportiamo nel paragrafo a fondo articolo.

Ripristinare backup iPhone da iCloud

Effettuare backup è molto importante, ci teniamo a ribadirlo, poiché uno di questi salvataggi ci permette di riavere tutto quello che c’era sull’iPhone al momento in cui l’abbiamo effettuato. Se vi trovate nella situazione di dover ripristinare un iPhone, andiamo quindi a vedere come fare per farlo tramite backup effettuato su iCloud.

La prima condizione per il ripristino di un backup iCloud è quella di avere un iPhone/iPad resettato, che quindi deve ancora effettuare la procedura di prima configurazione (anche se non è la prima volta che la fate). Se avete già configurato il vostro iPhone ma volete reimpostarlo tramite iCloud dovrete effettuare un reset ai dati di fabbrica (attenzione, tutti i dati andranno persi).

Per fare ciò andate nelle Impostazioni, poi premete (direttamente su iCloud su iOS 10.2 e precedenti) sul nome utente,  poi su iCloud  e disattivate la voce Trova il mio seguito dal nome del dispositivo. Tornate quindi indietro e nella voce Generali e premete su Ripristina (perdita di tutti i dati sull’iPhone).

Una volta che avete resettato il dispositivo potete procedere con la configurazione. Quando arrivate ad App e dati selezionate Ripristina da backup iCloud ed effettuate l’accesso con i dati del vostro account Apple, lo stesso che avete usato per effettuare il backup in precedenza.

Vi si parerà davanti una lista di backup, ordinati per data. Scegliete quello che ritenete opportuno, su base di data e dimensioni. Dopo aver confermato ed inizierà la procedura di ripristino, la cui fase iniziale impiegherà pochi minuti, dopo di che potrete finire la configurazione dell’iPhone.

I dati pesanti come app, foto e musica saranno ripristinati automaticamente in background mentre l’iPhone è connesso su rete Wi-Fi, cosa che potrebbe richiedere ore o giorni a seconda della quantità di dati e dalla velocità della connessione.

Ripristinare backup iPhone da iTunes

Abbiamo già visto come fare ad effettuare un backup dell’iPhone tramite iTunes. Adesso vi spieghiamo come fare per ripristinare uno di questi salvataggi da computer e riportare quindi il vostro telefono ad un precedente stato. Ovviamente dovrete avere iTunes installato sul vostro PC o Mac, ed aver effettuato almeno un backup.

Per iniziare il ripristino dovrete aprire iTunes e collegare l’iPhone/iPad tramite il cavo originale. Se serve seguite le indicazioni a schermo per inserire il codice di sblocco. A questo punto selezionate il vostro terminale da ripristinare premendo sull’icona sotto la barra del volume di iTunes (quella a forma di iPhone).

LEGGI ANCHE: iPhone DFU, come usarla per resettare da zero

Sul menu a sinistra premete su Riepilogo e poi a destra, sotto Backup, individuate il pulsante Ripristina backup. Si aprirà una finestra dove potrai scegliere quale backup ripristinare; confermate, inserite l’eventuale password (in caso il backup sia codificato) e lasciate che la procedura faccia il suo lavoro.

Tenete a mente che l’iPhone dovrà restare connesso al computer per tutto il tempo del ripristino, anche dopo il primo riavvio e fino alla fine della sincronizzazione. A procedura terminata il vostro iPhone sarà sovrascritto dal backup in questione e riportato allo stato in cui era al momento del salvataggio.

GUIDE DA NON PERDERE