TIM e Vodafone nel mirino dell’AGCOM per il limite ai dati in roaming europeo con alcune promozioni

Edoardo Carlo Ceretti

Nuova controversia all’orizzonte sul roaming like at home per alcuni operatori italiani. Dopo i limiti imposti da Kena Mobile ai dati internet sfruttabili dai suoi clienti, ecco che anche TIM e Vodafone potrebbero aver tagliato i GB a disposizione dei proprio clienti, in particolare per alcune promozioni che, quantomeno sul suolo italiano, promettevano un quantitativo extra di traffico dati in regalo.

Parliamo in particolare di TIM Special Medium – che permetterebbe di attingere soltanto 2 GB durante il roaming nei paesi UE dei 4 GB previsti dalla promozione – TIM Supergiga & Music – dai 10 GB promessi, si passa a soltanto 4 GB fuori dai confini italiani – e Vodafone Pass Social & Chat – che proprio impedisce di utilizzare il traffico dati extra, recandosi in uno dei paesi europei aderenti alla normativa.

LEGGI ANCHE: Roaming in UE: anche Vodafone applicherà i limiti di fair use

Sappiamo in realtà come la normativa in questione ammetta che gli operatori impongano dei limiti ai GB utilizzabili dai propri utenti all’estero, purché venga loro concessa una soglia minima per un utilizzo ragionevole ed accettabile. Proprio per questo motivo, non è detto che TIM e Vodafone siano considerabili fuori legge nella loro pratica, tuttavia AGCOM vuole vederci chiaro e ha messo sotto inchiesta i due operatori (e le offerte sopracitate), per chiarire al meglio la situazione.

In particolare, è possibile che TIM e Vodafone non abbiamo chiarito sufficientemente, ai futuri clienti di quelle promozioni, il fatto che non tutti i GB previsti dalle offerte sarebbero potuti essere sfruttati anche all’estero. Vedremo se questa indagine da parte di AGCOM porterà a qualche reale provvedimento. Qualcuno di voi ha aderito ad una delle offerte citate senza essere conscio dei limiti imposti al quantitativo dei dati per il roaming europeo?

Via: Hardware Upgrade
  • nicosemp

    “la normativa in questione ammetta che gli operatori impongano dei limiti ai GB utilizzabili dai propri utenti all’estero, purché venga loro concessa una soglia minima”

    “Vodafone Pass Social & Chat – che proprio impedisce di utilizzare il traffico dati extra, recandosi in uno dei paesi europei aderenti alla normativa”

    non sembra esserci molto da investigare…

    • monline79

      Andrà a finire che i pacchetti base prevederanno tipo 500 MB (validi anche all’estero) e poi una opzione che darà tot GB, ma che non sarà valida x l’estero. Chissà se questo workaround gli permetterà di farla franca…?

      • jacksp

        “limiti ai GB”, “soglia minima” spero voglia dire di GB, per cui non potranno dare 500mb (anche perchè è quello che Vodafone già dava al giorno per la bellezza di 3 euro..)

        Ma poi poche balle, c’è il calcolatore dei gb utilizzabili, quelli sono quelli si possono usare.

  • io ero incuriosito da Vodafone Pro, che include anche il Pass Social & Chat, che è l’unica cosa che non vorrei. Oltre ad essere una delle prime avvisaglie (in negativo) sulla questione net neutrality anche nel nostro paese, la cosa che proprio non mi piace è che sì, sui più popolari social network non si consumano GB, ma la riproduzione dei video è limitata a 480p e nel caso non fosse possibile limitarli potrebbero anche non essere riprodotti. No grazie.
    Devo solo capire se ‘sto pass può essere disattivato o no.

  • U B

    TIM continua a farmi pagare telefonate sms e dati mobili infischiandosene della norma europea! Avendo un piano business illimitato in base alla recente norma non dovrei pagare e invece pago. Ovviamente il servizio clienti adduce scuse ridicole e pretestuose dicendomi che devono attivarmi il profilo Europa, é una settimana che attendo la risoluzione invano, ovviamente mi dicono che rimborseranno anche se su Facebook leggo di richieste di rimborso negate. TIM Business sta diventando pietosa per lavorare al mio rientro partirà denuncia all’Agcom e non pagherò i maggiori costi agendo presso il corecom.
    Fate attenzione a questi truffatori